Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2013

Waiting for 2014

Immagine
È arrivato il temutissimo riassunto di fine anno, il tempo dei bilanci...
Che assurdo odio!  Bilanciare quest'anno vuol dire sonore coltellate tra le pudende, e la cosa mi elettrizza come un bicchiere di acido muriatico!
Quindi io NON FARO' BILANCI.
NON DESCRIVERO' I 12 MESI TRASCORSI.
NON FARO' IL CONTO DELLE COSE ANDATE.
Butto il 2013 con un bel sospiro di sollievo, ch'io lo battezzai 2000 credici e mi presi una tale batosta da far tremare l'universo!

Ma va bene così. 
Accolgo il 2014 con animo gagliardo ma ASSOLUTAMENTE SENZA aspettative e speranze. 
Accetterò, con un briciolo di scaramanzia l'ammetto, ciò che vorrà darmi e togliermi, senza incaponirmi sul fatto che debba FORZATAMENTE essere PERFETTO! 
Accoglierò i suoi frutti senza incaponirmi su quanto non sarà in grado di darmi, e mi farò vedere pronta e forte, mi godrò la vita mentre lui scorre, e basta.
...insomma, 2014, a noi due!

Vi dedico una serenità che diverta e che possa soddisfare, ma non l'aspettat…

Costruire un nuovo anno si può

Immagine
Cercando il bandolo della matassa non possiamo non dire quanto sia stato bizzarro non festeggiare il natale col parentado intero, riunitosi a festa per "quella" volta all'anno, eppure è successo!
...e non è venuta l'apocalisse, dai rubinetti non è sgorgato sangue, e locuste e rane sono state ai propri posti...

Che poi io non sono così falsa e fasulla da dirmi contenta, anzi un pochetto mi è spiaciuto perché è tradizione, ma non è un cambio di programma poi così drammatico. 
Diciamoci che forse nella destabilizzazione da tradizione infranta, c'è una buona premessa per innovativi sospiri da tirare. 

Ora, a me i cambiamenti mettono un'ansia folle, ma dato che l'anno scorso tutto è stato rispettato alla lettera e le cose sono andate come sarebbe stato inauspicabile andassero, questa volta va bene così. 
Per "cose andate come dovevano andare", intendo la Vigilia strepitosa tra famiglia di origine e famiglia d'elezione, il natale baccanoso di parenti a…

Christmas divano time

Immagine
Spinta dallo spirito natalizio, a fine novembre ho, come recita la pubblicità: arricchito il mio pacchetto sky del cinema.
Decisione MOLTO avventata la mia. 
Riesco ad essere maniacale quando mi ci impegno, e la tivù è un gran bel veicolo di nevrosi per la sottoscritta!
Avendo fatto mia la tradizione del latte+biscotti sotto le coperte innanzi a qualsiasi cosa, i film fanno da sporca scenografia molto meglio delle serie... 

Ora ad esempio, sono spaparanzata con R-Dog sulle ginocchia, siamo intenti a guardare "Vita di Pì", che non avevo mai visto, e che mi piace parecchio... 

Il mio Natale ve lo devo proprio raccontare, perché, nel bene o nel male è stato veramente indimenticabile...

Innanzitutto però la Vigilia.

Come direbbe Barney Stingson: L E G G E N D A R I A!!!
Ma luuuuuunga, moooooolto luuuuuuuunga.
Bella, moooooooolto bella, ma lunga e ricca, e cicciosa, e stra colma di puro amore e pura gioia e puro entusiasmo e vera fede nelle cose belle.

E vorrei prendermi del tempo per racc…

Vigilia di Natale modalità ON

Immagine
"Ti piace il natale?"
"Mi piace il fatto che sia inevitabile. Che non giunga mai inaspettato e che non faccia sorprese. Mi piace che punti alla parte più ancestrale ed infantile di ognuno di noi, e che abbia la forza di coinvolgere anche chi ha l'occhio cieco e l'anima sterile. Volenti o nolenti accogliamo il natale, alle volte lo subiamo spaventosamente, ed allora ci troviamo a detestarlo. Ma il più delle volte accresce in noi il desiderio di comunione, di famiglia e di serenità. E questo non può non essere apprezzato."
Vigilia di Natale.

+ la compagnia della serata che già si pregusta incantevole
- il bis di domani darà noia a Brivido?

+ "Lilli e il Vagabondo" di ieri sera
- "L'amore non va in vacanza" sempre ieri sera, grrrrrr

+ il freschino 
- la mancanza di neve

+ la cioccolata calda [non ne ho mai bevuta tanta come quest'anno]
- non ho ancora mangiato manco una fettina di pandoro

+ ho comprato tutti i regali di natale
- ho speso molto…

We are family... Ah si!?

Immagine
I parenti. 

Ora, i parenti sono i parenti. 
Tu non li puoi scegliere, non ti puoi incazzare con nessuno per quelli che hai, non saresti dove sei se non ci fossero. 
Mettici pure che non ci saresti proprio se non ci fossero. 
E accetta. 
Punto. 
Durante le feste i parenti possono essere tante cose:  La Famiglia della quale ti circondi L'Effetto collaterale del quale devi aver pietà  I Fautori del tuo ingrassamento I Babbonatale che elargiscono doni
Una gran rottura di rotule o una gemma gioiosa
A piacimento, a seconda della fortuna e delle scelte. 
Jn sostiene di non amare il concetto di legame di sangue, per lei famiglia è chi le da amore, alla quale lei ricambia quello stesso amore. 
Insomma do ut des, non ti voglio bene perché sei mio zio, ma perché ci sei nella mia vita e mi dai. 
Io sono un po' più tradizionalista: non è che mi piacciano a mille tutte le mie zie [che poi son le sorelle della SuperNonna, perché la SuperMamma e Paparotto Gigiotto non hanno granché... Ma questa è un'al…

Promesse di natale

Immagine
Giuro.
Avrei voluto iniziare un lacrimevole post al suono di "OmmioDddio che sventura tra brevissimo sarà natale e mi toccherà abbandonare questa jinglebellgica atmosfera che ancora non sono riuscita manco a percepire!", ed avrei voluto scriverlo così: senza punteggiatura e tutto attaccato. 
Invece no. 
Scelgo di non compiangere la fine, ma di concentrarmi sul vissuto. 
Che passi da titano sto facendo oh! 
Ah, il mese scorso ho avuto la [malaugurata] grande idea di, come dice la réclame, arricchire il mio pacchetto sky del cinema, alla modica cifra di un milione, 99 centesimi. 
L'ho fatto per vari motivi: 1- Non nutro la benché minima stima nella mia vita sociale 2- Amo il cinema [lo metto per secondo ma avrebbe potuto essere ultimo]  3- Spero di avere qualche giorno di totale imballo da plaid sul divano 4- Ho saputo del canale "christmas" e non potevo fare orecchie da mercante 5- Brivido chiede di sovente "Fanno qualche bel film stasera?" e nonostante s'add…

La vedi la luce in fondo al tunnel?

Immagine
Ci sono quelle persone, le cui vite vengono stravolte da un qualche grande avvenimento, ed altre che si svegliano al mattino con un'incrollabile determinazione nuova, che venutagli chissà come e perché.

Io, che sono una personcina un tantinello particolare, ho dovuto mangiare un wafer con del latte caldo per arrivarci, illuminata dalle lucine dell'abete decorato, e con la compagnia di R-Dog che, con l'avvento dell'inverno ha scelto di dormire solo ed esclusivamente sotto le coperte... 

Il mezzo, grazie al quale sono arrivata ad una comprensione stravolgente della mia esistenza, mi fa propendere [sperare, forse?] che per me funzionerà di più e meglio!
Comunque, trattasi di rivelazioni.
Che cosa sono le rivelazioni?
Sono quella cosa che è andata pure parecchio di moda, tra ayurvedica e santoni, autosostentamento singolo o gruppi collettivi di sostegno, tutto molto empirico, molto elevato molto sofista, ma che poi, alla resa dei conti di un racconto, o sei Dante, che vede addi…

...di stufaggine, stancaggine e piccole annotazioni a margine...

Immagine
Una frase che non mi sentirete mai dire è "Non ho fatto colazione".

Non esiste proprio.

Potrebbero passare mille giornate digiuno, ma la mattina è sacrosantissimo che si parta con una buona dose di cibo in corpo.

Punto.

Ho fatto questa piccola precisazione alla luce della seconda colazione del lunedì mattina, a base di caffé ginseng e caramelle gommose di Santa Lucia... 

Ore dormite tra venerdì e domenica 12 forse...
...che l'insonnia è una gran brutta bestiaccia bastarda, ma non posso fare altro che prenderne atto, tanto ch'io mi incazzi o meno, che ci sbatta la testa mille volte, o ignori la cosa, il risultato non cambia mai!

Aggiungerei un "GRRRRR"!
...e l'onomatopea penso abbia fatto il suo sporco lavoro per fotografare il mio status!

Lunedì è iniziate l'ultima ufficiale settimana prima del Santo Natale, ma, al contrario degli anni trascorsi,  vedo molta poca frenesia intorno a me.

Le persone non sembrano ancora sentire l'atmosfera, i negozi mi sembr…

Benedetta Santa

Immagine
Alla SuperMamma brillano gli occhi oggi, come vent'anni fa. 

 Lei adora comprare regali, in questo Jn a preso da lei, ed io sono molto molto fortunata ad essere una delle loro persone preferite. 
 In sala allestisce il consueto meraviglioso bazar che ci accoglie, eccitate e febbrili come vent'anni fa... 
 Non più giocattoli, ma vestiti ed accessori di ogni foggia e tipo...   Un intero guardaroba più o meno variopinto, che somiglia a noi, a quei gusti che si riflettono nelle cose che indossiamo, nelle personalità rivelate da maglioncini alla Rachel "Glee" o da scarpe alla Lady Gaga. 
 Doveva essere venerdì, ma io lavoravo tutto il giorno, così ci siamo ritagliate un giovedì senza Paparotto Gigiotto, che ci troverebbe esagerate e pretenziose, e ci sgriderebbe biasimandoci, mentre noi siamo grate e sognanti, tornate bimbe per un giorno... 
 Ceno alternando cibo umano con caramelle e cioccolata della peggior specie, godendomi tutto come un regalo aggiuntivo. 
 Brivido non capi…

Once upon a time

Immagine
Non ci sono cose per forza giuste, così come non esistono persone completamente buone.

Esistono le sfumature. 
E riprendiamocele con coraggio, al di la del pessimo lavorio di scrittrici dal l'ormone vulcanico.
I cattivi della Disney hanno sempre occupato un posto di rilievo nel mio cuore, sebbene siano i buoni a commuovermi. 
Crudelia De Mon ammazza cagnetti per puro sfizio modaiolo personale, eppure la sua ironia pungente ed il suo amore per la moda mi contagiano. 
Grimilde condanna Biancaneve, principessa per dinastia, a spazzare la casetta di legno di Nanetti disordinati, eppure la sua vanità non mi è poi così sconosciuta. 
Ursula frega l'uomo di Ariel, dopo averla ammutolita, ed il Cuoco del principe Eric cerca di accoppare il granchio Sebastian, eppure invidio le tettone alla prima e la cucina pantagruelica al secondo. 
Insomma io ed i Cattivi non siamo poi tanto distanti, e non mi riesce di dire il contrario. 
Anche nella letteratura i cattivi mi piacciono: Emily Bronte descrive…

Lei è

Immagine
Aveva voglia di dare un calcio alla tristezza. 
Voglia si potesse davvero colpire il male dentro per poterlo punire di averla avvelenata. Ma non si poteva. 
Camminare all'interno delle emozioni le usciva male, farlo per i mille demeriti e fallimenti che incontrava, la struggeva. 
Arrivò a pensare che il giorno più bello della sua vita l'avesse già conosciuto, e si chiese quanto valesse la pena di esistere, con la consapevolezza che non avrebbe goduto di altri altrettanto belli. 
C'è ancora bellezza da vivere" le dicevano.  "Sicuramente - rispondeva - ma se non sarà 100 non mi basterà."
Non concedeva a se stessa di abbassare le aspettative, e non riusciva più a sentirsi felice, soddisfatta, serena.  Impossibile così andare avanti. 
Ogni momento era buono per sentire la lancinante morsa delle lance che si spezzavano su un cuore tormentato. 
Accontentati. Arrenditi.  Lo diciamo per il tuo bene. 
Odio puro.  Negli occhi, nei quali le lacrime accompagnavano i battiti.  Tra le l…

...di fardelli pesanti e cose da non chiedere...

Immagine
Non so se il popolo diversamente bresciano [e bergamasco credo] ne sia a conoscenza, ma giusto per rendere partecipi tutti,
venerdì si festeggia Santa Lucia. 

Chi sia Santa Lucia è presto detto: una Santa donna alla quale cavarono gli occhi perché si rifiutò di compiacere un potente dalle abitudini violente e peccaminose, ed è solita portare, nella notte del 13 dicembre, dolci e doni ai bambini buoni, e carbone a quelli cattivi, oltre che rendere cieco chiunque la guardi [ma questi son dettagli macabri che i genitori usano a loro uso e consumo... ]; si accompagna ad un ciuchino, al quale bisogna lasciare un adeguato rancio di latte e biscotti, e ad un suono di campanelle che disseminano gioia e panico, a seconda della coscienza dell'udente. 
Io, da un bel po', non sono più una bimbetta, eppure a casa Patalice, la SuperMamma, è investita del ruolo di Gran Visir della Santa Lucia, e potete sapere da questo post 2011 e da quest'altro del 2012 di che sapore sia il 13 dicembre da…

Creare e non distruggere

Immagine
Dicembre è arrivato. 

Mi sono addormentata in un novembre grigio, fruttifero di marci prodotti arrabbiati e rancorosi, e mi sono svegliata in una sorte di nebuloso nevischio dicembrino in cui la speranza sembrava aver messo radici alla velocità della luce. 
Fa parte del mio essere una testona contraddittoria, forse, o forse è vero che questo periodo dell'anno ha proprio un'aurea magica che non passa mai, anno dopo anno, esperienza dopo esperienza.
E succede che, nonostante le difficoltà evidenti che non ci risparmia nessuno, la fioritura rossa di mille Stelle di Natale, pare spargere il suo polline positivo. 
La settimana scorsa ho fatto l'albero ed addobbato la casa, devo solo finir di comprare qualche cadeaux per tutti quelli che meritano di riceverlo, e riprendo a volare alto, mentre compilo liste disordinate di disadorne cose che voglio e che farò... 
Mi accendo di luce, dimenticando gli aspri avvenimenti che hanno fatto da sceneggiatura al mio film, in particolar modo in q…

rubrichetta del mese... NOVEMBRE in ritardo!!!

Immagine
Penso sia giunto il momento del riassunto di NOVEMBRE dato il dicembre già inoltrato che stiamo vivendo, e che merita tutti quei post meravigliosi da calendario del l'avvento che sto vedendo giornalmente su blog di natale vestiti...

 Iniziamo la nostra carrellata di successi ed insuccessi del mese con il PEGGIOR FILM VISTO... non è stato difficile: "Machete Killer" si piazza, senza pari e senza rivali al titolo, al primo posto, e conocrrerà, con ogni probabilità al titolo di peggior film dell'anno...  

Il  premio per il MIGLIORE invece necessita di qualche riflessione, perché debbo ammettere che ci son state delle puntine di diamante nelle visioni... Ashton [ex Moore] in Kutcher ha dato vita ad un "Jobbs" che ha del fantastichevole, quindi mi sento di dare la palma d'oro a quello, ma subito dopo premio il genio inglese che ha concepito "Questione di tempo". Premiazioni doverosissime, perché ambedue i film mi hanno fatta riflettere tanto, e for…