giovedì 31 ottobre 2013

...ricco di sorprese vi si rivelerà...

c'è che oggi questa è la colonna sonora scelta...
perché per me fa quella atmosfera un po' sul macabroso andante, che a me mi piace...
è la giornata in cui si "festeggiano" i morti, e in questa notte che unisce morti e santi, la festa anglossassone più copiata da noi italiani prende atto...

sono sul divano e nel lettore DVD le note meravigliose di Renato Zero, nella colonna sonora italiana del capolavoro animato di mister Burton, "Nightmear Before Christmas"... S P E T T A C O L O!!!

datemi un bel biscotto di quelli che in questi giorni avete visto nelle fornerie migliori, quelli a forma di zucca con quella pasta da zucchero meravigliosa che troneggia sopra, e se dovesse esserci, prendetemi pure uno di quei cupcakes con tanto di ragnetto di liquirizia sopra... non andrà sprecato! 

potrebbero esserci alcuni cuccioletti con mega cappelli da strega sopra le testoline piccine picciò, suoneranno i campanelli con la tipica formula "Dolcetto o Scherzetto?!"... 
resistete alla tentazione di scaraventare loro un tegame di acqua ghiacciata sul travestimento, e porgete quei dolcetti vecchi di 30/40 giorni, rimasugli magari dei marshmallow da grigliare la notte di ferragosto... 


...mentre vi godete la vostra serata Halloweeniana, che vi auguro possa essere quanto più simile a quella della sottoscritta perché mi darò veramente a bagordi goduriosi di quelli fichi fichissimi, ricordate che domani sarà festa e potrete dormire assai, trasportando voi stessi in quel mese meraviglioso che sarà novembre, con la sua sontuosità autunnale di primo pelo, concedete quindi a voi stessi di andare a dormire ad orario inoltrato, attardandovi con un re del noir orroreggiante di primissima qualità: sir Edgard Allan Poe! 
consiglio "Black Cat"... spaventosamente meraviglioso!

Ora che vi ho donato la mia preziosa elucubrazione mentale prettamente immaginifica, perché post mattinata di palestra e spese, mi spetta in realtà un pomeriggio di lavoro ed una serata di "x-factor" e divano...auguro a tutti un meraviglioso Halloween, con soli dolcetti e nessunissimo scherzetto!!!


martedì 29 ottobre 2013

un buongiorno estremamente riflessivo il mio...

Il problema è che non ci si pone i giusti problemi.

E, con una frase così, ad effetto e sospesa tra il lusco e il brusco, potremmo anche mettere un punto al post e dedicarci alla vita, con il tarlo di una micro riflessione che grattuggia le meningi, con buon dispendio energetico...

Comunque, perché iniziare così un martedì dalla fortissima banalità?
Beh, perché stamattina, tra la tazza di caffèlatte e la fetta biscottata con la marmellata, leggendo un "Vanity fair" datato, sono incapata nell'intervista della Pascale, first lady della neo ri-nata "Forza italia" il "mitico" partito fondato nel 1994 da Berlusconi, bandiera del centrodestra italico, di quella Italia che viveva appieno e di gusto quegli ultimi anni di splendore socioeconomico.

Non volendo fare di questo post una pagina di propaganda a favore o contro, preferisco concentrarmi sulle parole della mia coetanea, Francesca Pascale, che, a torto o a ragione, condivisibilmente o meno, mostra una ferrea volontà ed una determinazione tali da essere quasi in controtendenza con il carattere e le volontà "normalmente" dimostrate dalla nostra generazione.

Ora, io non sono tra quanti dicono che, le giovani generazioni che si affacciano alla maturità, siano una fascina di legna che sarebbe meglio ardere, prima di ritrovarsi nei guai tuttavia non posso fare lo struzzo, e non vedere quanto forte sia il lassismo generale, quanto ancora preponderante appaia la voglia del "tutto e subito", con uno smaccato distacco dalla realtà in cerca di futile luce riflessa che porti in auge la persona senza troppo sforzo.

Che la Pascale dica o meno la verità, che siano le sue affermazioni pura inventiva, o la realtà dei fatti, non mi è dato di saperlo, viste le mie scarsissime frequentazioni ad Arcore, però ho ammirato la sua strenua decisione di "volere Berlusconi" [stacchiamoci, un istante dal destinatario delle attenzioni della signorina, per cortesia, altrimenti facciamo di questo un post di politica invettiva, che è quanto di più lontano possa esserci dal mio intento], il racconto del "filo" fatto al Cavaliere, la perseveranza nell'accostarsi all'obbiettivo, ed il lavoro fatto per arrivarci.


Guardarmi dentro, con tutto il reticolo di dubbi ed ipocrisie che mi porto appresso, con la paura e la sventura di mille manie e di trenta mila asperità, non mi fanno fiero baluardo dell'intraprendenza determinata che vorrei vantare, anzi...

Sempre più spesso metto avanti a tutto quello che vorrei ottenere, una mandria disordinata di "ma", "però", "tuttavia", "domani", un susseguirsi di scusanti e di promesse fatte e rimandate al futuro... che no, decisamente non mi fanno onore.

Quindi, da tutta questa maifrina, la riflessione delle riflessioni...
Non mi pongo le giuste domande, altrimenti sarei costretta a trovare risposte adeguate.

In controtendenzza con questa parte dell'anno, faccio un fioretto tardivo o anticipato...
Mettermi nei miei panni, vestendoli col giusto rispetto che debbo a me stessa, perché se è vero che è VERISSIMO che le cose, comunque vada accadono, è altrsì vero che se non ci mettiamo un minimo di forza di volontà tutto rimarrà SEMPRE così com'è... 

lunedì 28 ottobre 2013

autunnali discuisizioni tra leccornie mancate e scritti distribeggianti

Combattere una vera/presunta diagnosi di diabete con soli 15 giorni per potersi dimostrare "brava/brava in modo assurdo" è una gran rottura di rotule...

Autunno = castagne
Autunno = primi approcci con la cioccolata calda, panna montata inclusa
Autunno = fuori non vi è che un mondo ostile, io sto in casa e mangio schifezze a profusione

Il weekend, da questo punto di vista, ha potuto godere di un'alternanza ai limiti dell'improbabilità, tra castagne, brioches alle quali dover rinunciare, e cioccolate con panna che mi son state rimproverate alquanto... 

...è stato un weekend di cinema [finalmente!!!] rilevante, di mal di testa imperante [che io vorrei capire come ci si possa convivere in una gioiosa catalessi neuronica di primo livello!], di aperitivi che... meno male che la compagnia è buona!, e di letture ai limiti del distacco delle retine!

Il clima conserva quel suo tanto di primavera in anticipo, o in stra ritardissimo, dipende da che parte pensi di guardarlo per cavarci il famoso "ragno dal buco".

Per il resto mi sono trovata di fronte ad una bizzarra situazione: dover dare spiegazioni di qualcosa scritto nel blog ad una persona del mondo reale.

Non mi ha fatto per niente piacere.

Essere messa alla berlina per uno spazio limitato a me stessa mi ha dato l'antipatica impressione di una violenza bella e buona, eppure inevitabile.

Ho scelto di rendere un tantinello più "aperto" il blog, dandogli una sorta di pubblicità facebookica, e giocoforza qualcuno ha avuto il "buon tempo" di leggerlo, e di trovarsi anche offeso...

Io ho detto la mia, motivandomi senza giustificarmi; che io sarò ben libera di dire quel cavolo che mi pare e piace, e se ti da fastidio ignorami giuoiosamente, no?!

Eppure mi ha fatto un po' ricredere sul gesto, del tutto innocente, ed un po' mi ha spronata a capire che non a tutti potrà andare bene quel che viene partorito dalla mia tastiera, ma tant'è...
visto e considerato che ho mosso in direzione scrittricelandia, debbo anche avere a che fare con me stessa e le mie personalissimissime idiosincresie, no?!

venerdì 25 ottobre 2013

Martino e il nonno

Se dividi i lombrichi in due non muoiono.
L'aveva detto suo nonno mentre passeggiavano, Martino non gli aveva creduto, il nonno gli mostrò la bizzarria stupenda dell'anatomia.

Martino non era stato un bambino crudele, uno di quelli che bruciano formicai o imbrattano muri tanto per farsi una risata.
Martino era stato un bambino che alle costruzioni preferiva un succo di frutta, ed al pallone un libro.

Martino alla comunione non aveva ricevuto cellulare o console per videogames, aveva chiesto, e ottenuto un atlante tridimensionale ed un paio di pedule.

Martino, smentendo ogni previsione, non era diventato un brillante scolaro pieno di interessi scientifici, ma un mediocre studente zoppicante, senza propensione per sport o arte.

A Martino piaceva camminare col nonno, ed il nonno lo accompagnava volentieri, nonostante l'anca sbilenca e le troppe sigarette fumate in una vita longeva, che lo mandavano in affanno precocemente.

Martino non parlava molto, ma il nonno nemmeno, e a lui non dispiaceva il silenzio che condividevano.

"Cosa vuoi fare da grande Martino?" chiede il nonno una domenica mattina, tanto presto da non essere ancora avvolta dall'abbraccio del sole.

"Possiamo continuare a camminare sempre?" risponde lui, per nulla intimidito o spiazzato dalla domanda del nonno.

Il nonno sgrana gli occhi, e nella sua testa miriadi di riflessioni: il nipote non è un cretino, sarà chiuso e senza amici, non saprà dar calci ad un pallone ne suonare uno strumento, ma è un quindicenne curioso, nella sua svogliatezza adolescente, e non è un cretino.
Che non l'abbia sentito bene?
Il nonno ripete la domanda, e Martino la risposta.
Silenzio.
"Sai che passeggiare con tuo nonno non può essere un mestiere?" Azzarda il nonno.
"Si, lo so che non è un mestiere, ma tu mi hai chiesto cosa voglio fare da grande, non hai parlato di lavoro nonno."
Il nonno ride forte, di una risata roca di sigaretta perpetrata, sbatte la forte mano ossuta sulla schiena in costruzione del nipote, e continuano a camminare.

mercoledì 23 ottobre 2013

quesiti esistenziali per colpa dello Strizza... maledetto il gg che ti ho incontrato!

Penso di essere pronta per rimettere sul tavolo carte e fiches, e riprendere il mio posto al tavolo verde.

No, non sono intenzionata a darmi anima e corpo al gioco d'azzardo, ho perso 50 euro a Montmatre l'estate scorsa, ed ancora ci penso con bramosia. 

Il fatto è che voglio mettermi in gioco con maggior trasporto, e la metafora del poker mi è piaciuta... 

Ieri è arrivato il bollettino della tassa universitaria, che con una strizzatina d'occhio mi ha ricordato un altro dei traguardi iniziato, percorso ma non portato a termine...

Fitta al fianco destro e vaga riacutizzazione della mia dipendenza da caramelle gommose. 

Lo Strizza mi ha fatto vedere che la me stessa più bieca ed infame prova un orgasmico gusto nel boicottarsi, e, sebbene ci stia lavorando da mesi, non mi riesce di capire come mai! 

Godo di una discreta autostima, passo intere giornate nella presa di coscienza dell'amore per me stessa, e non capisco perché il mio subconscio non faccia che mettermi bastoni tra le ruote. 

"Riflettici - dice lo Strizza - perché non fai che vederti come un fallimento?! È per questo che saboti progetti, parole, opere ed omissioni, perché così facendo rendi reale il disegno per il quale tu sei nata: non riuscire!" 

Mi legittimo rovinandomi con le mie mani.

Bella testa di microcefalo abnormale sono!

Riflettici, mi vien suggerito, e allora io rifletto... 

Infanzia felice.
Molto felice. 
Genitori innamorati tra loro, ed innamorati di noi figlie. 
Certe piccole bassezze famigliari ci sono pure state, ma la famiglia del "Mulino bianco" a preso fuoco perché il cane di casa spacciava anfetamina, e la tenera figlioletta con le trecce ha ben pensato bene di fumarsele, ed il resto è cenere... letteralmente!
Quindi meglio la mia piena zeppa di difetti... 
 
Rapporti regolari, che vantano addirittura una certa fortuna con l'altra metà del cielo, si beh, non è ho mai avuti da adolescente, ero un tantinello stramboide ed eccentrica, e poi non mi accontentavo di quelli che avevano cotte per me, che non erano mai quelli per i quali avevo cotte io! 
Amiche un tantinello infingarde, ma questa è stata una costante valida a tutt'oggi, e mi sono rifatta con le donnine più strette: Jn, la SuperMamma, la Annina, Amicamicky, e pure la EducAttrice Ritrovata in fin dei conti; ma sopratutto vanto un parterre di maschioni che mi vogliono un bene dell'anima, e stì cazzi!

Economicamente non ho mai dovuto rinunciare ad una costata perché non si aveva i soldi per la carne, e siccome so non essere una cosa tanto scontata, posso serenamente dirmi decisamente fortunata!

Sono anche un bel fighino, senza falsa modestia, magrolina, con le mie nuove formine tutte quante al loro posto, un faccino piacente, e con questo tagli di capelli mi pare anche di avere meno crisi isteriche da chioma in caduta libera...

Insomma dai, che cacchio di motivazione ho per essere la peggior nemica di me stessa?!?


Ci penso ripenso tripenso e non ho risposta...
Mi metto sotto pressione da sola e passo la notte con l'occhio sinistro che perde come un lavandino dalle guarnizioni sgarrupate... 
Non trovo risposta e mi tartasso le meningi...
Che stamattina è salatato fuori dal buio il cielo più arancio e bello che si possa annoverare, io sono rimasta lì imbambolata, con R-Dog che tormentava uno spazzolino da denti, e la coperta di pile piena zeppa dei suoi peli che mi scaldava... 

E non lo so...
Manco la luce che scaglia l'oscurità in un angolo che non c'è aiuta...
Mi faccio un ciobar, che è meglio!

martedì 22 ottobre 2013

...casa...

Ieri sera in quel di Brescia My Beautiful City grande evento al teatro Sociale: 
presentazione in anteprima nazionale del nuovo libro di Fabio Volo.

Ora, voi non lo potete sapere, perchè forse io non l'ho mai detto, o forse perché anche se l'ho detto eravate più concentrati ad apprendere come escono le tartarughe dall'acqua, ma ora vi dirò di me una cosa che non sapete: sono un'adepta totale ed una fan incondizionata di Volo.

Ok, ammetto di essermi trovata in difficoltà nell'apprezzare quell'acconzzaglia di sfumature erotiche [ormai passatemelo, le sfumature mi portano sempre e solo a pensieri senza slip...] che è "Le prime luci del mattino", ma non riesco ad avercela troppo su con lui, ergo ce ne siamo andati, io ed il mio amico Menny, a scoprire cosa avesse questa volta da dirci il buon Fabietto...

Arrivati in tempo per entrare ed accapararci il posto, sebbene in piccionaia, abbiamo ascoltato un'ora e mezza di vita di un autore consapevole e maturo, fintamente stupito da un successo dilagante che l'ha investito pienamente, in un divenire crescente di opere e contesti.

Ha descritto un libro intimo, di famiglia le cui porte chiuse non sono collegate, come da comune immaginario, a violenza o ambiguità, ma solo da rispettoso pudore nei confronti delle meccaniche famigliari...


Tra le prime fila la compagna, bellissima giovane ed all'ottavo mese di gravidanza, esempio di ciò a cui lui diceva di non voler far fronte, e sintetizzazione dell'incapacità dell'uomo comune di tacere... perchè poi la vita ha i suoi piani, e decide lei per tutti, o quasi... 

Ha parlato con consapevolezza, affettata e studiata di chi non è più il "pagnocchino" che girava nudo tra le camere dei vip per le iene, pur di farsi notare tra altri venti vestiti nel suo stesso identico modo...

New York, Radio Deejay, i film riusciti e quelli no, gli incontri più o meno piacevoli sebbene tutti indispensabili, la distanza da una certa politica, la condanna al viaggiatore dell'anima che si fa fermare da problemi fasulli, l'attaccamento alle sue origini...

Fabio volo mi ha regalato, oltre che una foto ed un autografo post luuuuunga coda, una visione di ciò che il futuro sa e vuole dire... 
Sebbene fossero tutte cose che sapevo e che tendo a ripetermi con costanza, la sola attenuante dell'averle sentite per bocca di una persona che stimo, e che sta vivendo un sogno che Dio solo sa quanto bramiio stessa, le ha avvolte di una luce un po' più luminosa...

Quindi si va...
Con una motivazione strana, del tutto nuova, che sprona un'anima in caduta libera, ma conscia di potersi permettere grandi cose... basta volerle!!!!

lunedì 21 ottobre 2013

amore, sogni, desideri, prospettive, irrealistiche realtà!

I miei si sono sposati giovani ed innamorati.

In quattro e quattr'otto perché la sottoscritta è stata un gioioso tiro mancino, ben voluto, ma che ha sicuramente messo lo sprint all'abito bianco...

SuperMamma inizialmente non voleva maritarsi, non per altro, ma non c'era verso che lei venisse chiesta in moglie solo perché c'ero io...

Alla fine Paparotto Gigiotto l'ha convinta e le ha messo l'anello al dito, ebbbbravo lui! 
La SuperNonna aveva un po' paura del giudizio della gente che avrebbe additato la figlia gravida nel peccato, ma se era buona 28 anni fa la metà di ora, immagino che l'incazzatura sia durata da natale a San Stefano. 

Si sposarono a dicembre, con una cerimonia senza particolari sfarzi ma con un sacco di "love is in the air", e a maggio nacque la sottoscritta, un puro contcentrato di beltà e splendore, che i SuperNonni accolsero sotto il loro stesso tetto.

Furono gli unici due sposaticonfigli delle rispettive compagnie... e la cosa andò avanti per mooooooolto tempo!
Praticamente i primi nati, dopo me e Jn, vanno ora all'asilo!

Il mondo è cambiato, le cose si sono evolute [o involute] andando in direzioni differenti rispetto a quelle prese dai miei ex giovanissimi genitori, ed io mi trovo ad avere una cosa stupenda, che pochissimi oggi possono vantare: età adulta genitori ancora giovani! [io ho 28 anni, la Supermamma mi ha partoirito che ne aveva 26... fate i conti voi altri...]

A me non capiterà.

Io sono già "fuori tempo" pèer essere una mamma giovane.
 Diciamocelo, le veci della ragazza madre non mi appartengono, e bene/bene che mi andrà sarò una rampante trentenne con carrozzina da spingersi...

Un po' come il luogo comune vuole ora, anzi quasi presto rispetto ad una media che ci vuole genitori sempre più in là con gli anni.

Sono una che, per natura, giudica poco [sopratutto perché non accetto di essere giudicata] , ma ammetto che questo costume comune per cui i 40 sono l'età perfettaper figliare, mi vede in disaccorso.

Cioè, è comodo farsi la propria spensierata giovinezza, "liberi e felici come farfalle", prima di mettere in cantiere il pargolo che tutto cambia!

E se vi pare un discorso dittatoriale ed un po' stronzo, avete PERFETTAMENTE RAGIONE!!!


Ultimamente penso alla maternità in modi differenti...

Forse la vita mi ha temprata in modi tali da dover venire a patti con realtà che, per quanto mi piacciano veramente poco, sono le uniche accettabili...

La gravidanza è una sfida per qualsiasi donna, una sfida che mi dannerei perché potesse essere la mia, ma non fa per tutte... e forse non fa per un fisico a tratti debilitato come il mio...

Ci penso con una punta d'amaro grande tutto il cucchiaio, la quale sicuramente avvelena un po' la mia voglia di stare bene e di vivere di serenità assoluta, e sono sempre più rassegnata di poter stare davvero bene in questa gabbia di matti che è la mia testa, anhe senza un imperante pancione...


Decidere di vivere al dfi là dei sogni rispettando il proprio viaggio, e beandosi del panorama...

Una sfida.

La mia.

venerdì 18 ottobre 2013

Non mi manca da morire quel suo piccolo grande amore

Nella classifica dei ristoranti italiani segnalati dal Gambero Rosso appaiono ben 13 nomi bresciani, ed io ho mangiato in ben 5/6 di essi, compreso quello arrivato al primo posto.

Ora, è ovvio e scontato che il mio primissimo intento dell'incipit, fosse quello di tirarmela per aver frequentato un locale altolocato abbastanza da essere segnalato dal Gambero Rosso, ma giuro che c'è dell'altro, e non è l'evocazione ad un dolce menta e liquirizia del quale ho ancora il sapore nelle papille gustative...

Il fatto è che il primo posto è occupato dal "Miramonti L'Altro", che fu teatro di un romanticissimo compleanno ivi trascorso col mio ex moroso, il Patatino.

Leggi il nome rinomato e ti torna alla mente una piccola e preziosa storia d'amore fatta di innocente evasioni, di parole troppo grosse, di esperienze frenate e di progetti troppo grandi e belli sai...

Il piccolo grande amore per antonomasia.
Quello che non ci credi che possa finire, e che quando finisci non smetti di farti domande e di ricordare sempre e solo la stagione dell'amore, quella che ha i fiori in perfetta sintonia con i colori dei tuoi abiti, quella che non potrebbe discostarsi maggiormente dall'autunno, quella che non conosce freddo, se non quello che ti spinge a farti scaldare i piedi ghiacciolici sotto il deretano di lui...

Chissà come si vive senza godere di un quel piccolo grande amore...

Conosco persone che non conoscono questa fortuna.
Giochi di parole a parte mi fanno un po' tenerezza ed un po' pena...

Io so di averlo avuto, e so che faceva sforzi per me, come quello di portarmi in un ristorante talmente rinomato da non poterselo realmente permettere, ma mi ci portò comunque, e godette di e con me della cosa...

Ricordi dolcissimi, che sanno sopratutto di zucchero filato ed hanno il colore rosa come predominante, perché le storie passate spesse volte mantengono intatto solo il loro lato positivo, nonostante ci sia stata anche tanta fanghiglia, qualche smarrimento e una buona dose di pensieri negativi e di spiacevolezze...  

Oggi che vivo di e per un amore differente, che ha un po' meno poesia nel suo affaccendarsi, che alle volte non profuma di vaniglia ma puzza anche un po' di bruciacchiato e che conosce il grigio in mezzo all'arcobaleno pastello, posso proprio dirmi felice e contenta, perché lo apprezzo e lo difendo, alla luce di quello che è stato quel piccolo grande amore, niente più di quello, niente più...

Ma la domanda è:
Si può vivere tutta la vita di "QUEL" piccolo grande amore?!   

mercoledì 16 ottobre 2013

il buongiorno dal weekend...

Di fatto i weekend son sempre un bel magazzino da cui attingere per scrivere roba.

Sarà che mi ammorba terrificantemente non avere una cippa lippa da fare, ergo trasfiguro la svagatezza in materiale fertile...

Venerdì, contro ogni prospettiva di quei barbagianni che mi circondano [CougarCumpa e marito], finito il lavoro, ho ritirato quel pacco pellloso che è R-Dog, e mi sono recata al comple di SerialC.
Una palla di festicciola, nonostante l'autorevole cifra da festeggiarsi... 
Troppa gente mal disposta nel locale. 

Sabato ero OBBLIGATA dalla mia morale responsabile, ad andare con una cliente a vedere un negozio di scarpe, dato che eravamo d'accordo da quasi un anno... 
Alla fine le calzature in vendita erano un tantinello troppo costose per le mie finanze ridotte ad un buco nero di sommessa solitudine, tuttavia la compagnia è stata simpa oltre ogni previsione... 

Nel pomeriggio, post pranzo lavoreggiante della mia dolce metà in una casa capeggiata da due chiuaue vaginomunite, vagamente esaurite, abbiamo fatto uno shopping di sostanza. 

Per Brivido. 

Pare che io non possa usare la scusa del NON HO UNA BEATA FAVA da mettere, mentre lui si, perché prende davvero la misura del sale nelle torte: "un pizzico" per stagione...

Una certa invidia del pene mi ha attraversata, ma se n'è andata quando, da Zara, il mio malcapitato coniuge si è provato un paio di calzoni color prugna, e concordando con me sul risultato soddisfacente sul di lui deretano, ne ha presi 4 paia identici, di colori vari... Della serie W l'originalità! 

La sera si è festeggiato il SuperMamma's birthday sulle note di caviale, gelato ed una montagna di frutta disidratata... 
La chiamavano BellaVita Patalice...

Domenica pomeriggio the freddo alla pesca e "Cattivissimo me2".
Bell'esempio di cartone animato, genere sempre più trasversale sull'età, perché perfetto per grandi e piccini; non ha avuto note carenti, nonostante la protagonista femminile detenesse la voce [ma non le fattezze grazie al cielo!] dell'irritante Arisa, presenza che ho scoperto essere accettabile sulla faccia del globo, solo per via della sua voce, irritante ed acutissima, quindi perfetta per un cartone animato! 


Stop. 

Nulla più da segnalare per quanto concerne quei 3 gg di grazia meglio conosciuti come weekend!

Se ampliamo gli orizzonti possiamo annoverare un lunedì quanto più weekendoso possibile, dato che ho goduto di un aperitivo con le Spaziali, e di un hamburger serale con Brivido ed R-Dog; mentre il martedì tra stiraggio matto e disperatissimo post cambio degli armadi, un giornata di lavoro quanto mai assurda e la cena preparata a mo' di lucculiano banchetto, aveva veramente P O C H I S S I M O delle atmosfere da weekend!!!

martedì 15 ottobre 2013

Dialogando al minimo di massimi sistemi

"Ciao Patalice"
"Ciao Strizza"
"Sai che certi analisti stanno in silenzio appositamente per non influenzare la conversazione ma per indurre la stessa?"
"Ah si? A me non pare che non si porti comunque a parare da qualche parte sai?"
"Vero Pata, infatti il silenzio induce tanto quanto le parole. Per non influenzare non dovremmo esistere."

Mmmmh 
Non so bene perché, ma l'esistenza mi porta a mille pensieri, e la mancanza della stessa forse a certi pensieri extra. 

Personalmente mi ritrovo in una fase esistenziale che ha capo ma coda mozza, e non sono poi così contenta della presa di coscienza in atto. 

Quando non fai pensieri su ciò che ti trovi a vivere, capisci che va bene così, perché è quando le elocubrazioni si fanno presenti e pressanti che capisci che c'è qualquadra che non cosa. 

Prendete la sottoscritta: vedere che, non solo non può mettere tutto nel suo quadretto del cazzo, ma che quel cazzo di quadretto è anche quanto di più errato ed erroneo possa esserci, mi ha condotta in uno stato ambivalente di rilassamento e nevrosi. 

Mi rilassa non dover più pensare incessantemente che se tutto non va così come lo ordino io, il mondo crollerà; ma altresì mi innervosisce non avere il pieno controllo delle cose. 

E così rifletto sulla necessità di vivere secondo un totale relax, e mi innervosisco quando penso che ci debbo pensare. 

Posso chiedere a quanti dei vostri cervelli non è uso comandare di non riflettere secondo una dottrina severissima?! 

Chi di voi "tutto va come deve andare" e va bene così!? 

lunedì 14 ottobre 2013

Misantrophia mi regala momenti di svago... ben venga lei stessa

Ringrazio Misantrophian per avermi concesso di condividere una stra passione... 
La prima serie che hai seguito?
Penso siano state "Primi Baci" e "Baysaid School" 
Serie anni '90 preferita?
Decisamente "Beverly Hills 90210", "Friends" e "Dawson's Creek"
Serie anni 2000 preferita? 
...qui c'è solo e soltando l'imbarazzo della scelta...
"Sex & The City", "Grey's Anatomy", "Dottor House", "Gossip Girl","Desperate Housewife", "Will & Grace", "Brother & Sister","Prison Break", "CSI", "Scrubs"... fino alle più recenti "The Vampire Diaries", "Revenge", "Criminal Minds", "Glee"
Serie preferita in corso?
Ad oggi aspetto l'ultima serie di "Gossip Girl" che non ho visto, e le prossime di "The Vampire Diaries" e "Downtown Abbey" e debbo rifarmi una cultura con "Dexter" della quale ho perso la tramontana! e poi "How i meet your mother" e "The Big bang Theory" occupano un posto estremamente rilevante nel mio cuore
Series creator preferito e più odiato?
....mmmmmmh e ri- mmmmmmh... 
Relationship preferita?
Sicuramente Meredith e il dottor Stranamore, Blair e Chuck [che quando lei si è messa con Humphry a me è venuto un mezzo attacco di isteria acutisssssssima] e poi adoro l'accoppiata sempre verde sempre amata Carrie e Mr Big!
Personaggio per cui hai una cotta vertiginosa?

Sebbene sappia essere gay, Barney di "How I meet your mother" è il mio dio in terra...
Il peggior finale di sempre ed il migliore?
"Prison Break" senza dubbio!
Chi non ha saputo fermarsi?
...forse dopo Grisson di "CSI" avremmo potuto fare a meno, lo ammetto...
Miglior episodio pilota?
Non sono abbastanza dotta sul caso...
La cancellazione che ti ha spezzato il cuore?
Nessuna direi...
Anche se ammetto che se dovessero ripristinare "Primi baci" sarei piuttosto felice e contenta!!!
Personaggio preferito?
Christina Yong [non ci lasciare!!!!] e Shldon Cooper di "The Big Bang Theory"...
beh si, Carrie è Carrie, ovvio!
Attore che sarà sempre il suo personaggio, non importa quello che farà dopo.
visto come è andata a finire la sua breve e sprecata esistenza, Finn Hudson di "Glee" rimarrà sempre lui...
Migliore theme song?
...
Preferisci guardare le serie quando sono finite o settimana per settimana?
Mysky grazie di esistere!
Serie che stai aspettando con più trepidazione?
La nuova stagione di "Once upon a time" che ha l'onere di riscattarsi sopo la pessima seconda stagione...
Ammetto che aspettavo trepidamente "The Carrie Diaries", e sebbene sia carino, è stata un po' deludente... 
La serie che ti ha cambiato la vita?
"Freinds" ha fatto partire la vera passione viscerale, direi...
Serie per ridere?
Oltre ai già citati "How I met your mother" e "The big bang theory" direi che "Cougar Town","Modern family" , "New Girl" e "Raising Hope"!
Serie per piangere?
Grey's Anatomy! Piango durante quasi tutte le puntate!
Story arc preferito?
Sicuramente "Downtown Abbey"... se ho ben inteso il significato di "Story Arc"...
Hai mai pianto per un episodio?
Cos'è una domanda trabocchetto o una ironica?
Sono riuscita a piangere durante "Cougar Town"...
Uk o USA?
Gli americani le fanno meglio...
Le serie televisive!
A quale personaggio assomigli?
Ho una certa assonanza con Karen di "Will e Grace" mista a Blair di "Gossip Girl"...
una cagna praticamente!!!! 
Serie che non riesci a guardare perchè la detesti?
"Un posto al sole" ed "Un medico in famiglia" direi...

....ma ammetto con candore che questo testarello glielo fregai senza macchia e senza paura, mentre, giusto ieri, ho appreso di essere stata gioiosamente candidata per ....

Liebster award sempre dalla mia preziosisssssssima Misantrophia!



Come sapete A M O letteralmente far si che voi possiate bearvi dei fattacci miei, ed io ciancio con gioiosa leggiadria!!!
Quindi ecco a voi altri un bel concentrato di fattacci miiii...

1. Perché hai il nome (o lo pseudonimo) che hai? Penso sappiate già che era il soprannome che mi diede il mio ex, il Patatino, e che la fusione tra esso ed il mio vero, autentico nome ha dato il via alla vita della mia identità...
2. Se fossi un personaggio di fantasia chi saresti? Senza alcun dubbio è Crudelia DeMon de "La carica dei 101" oppure, solo per un giorno, Lisbeth salander di "Uomini che odiano le donne"...
3. Conosci una o enne lingue straniere? Sbiascico un po' di inglese, che grazie alla mia faccia tosta mi riesce anche niente male...
4. Cosa volevi fare da grande quando avevi 8 anni? La dottoressa dei bambini...
5. Se hai un'ora libera ti dedichi a... Leggere/Scrivere come se non ci fosse un domani!
6. L'ultimo libro che hai letto e il tuo libro preferito ho quasi finito "Persuasione" della Austen. Il preferito di tutti i tempi "I pilastri della terra" Ken Follett.
7. Una cosa che proprio non capisci La gente che si comporta come se fosse migliore di me... la migliore sono sempre e solo io!!!
8. Che cosa ti fa ridere senza ritegno? Determinate battute di mia sorella, sopratutto quelle più stupide, adatte ad un pubblico duenne...
9. Il ricordo più bello che hai Il mio matrimonio è un giorno decisamente indelebile...
10. Cono o coppetta? Il cono tutta la vita!
11. Vuoi più bene a mamma o a papà? ...domanda TROPPO crudele per la sottoscritta...

Ok, ora ci do del mio.
  1. Trilogie: Star Wars o Signore degli Anelli? Mai visto NIENTE che riguardasse "Stas Wars", i primi due de "Il Signore degli anelli" mi piacquerò moltissimo, il terzo non vedevo l'ora finisse... il libro invece lo lessi tutto d'un fiato!
  2. Patatine o pop corn? Pop corn, fatti in casa da me stessa medesima...
  3. Rossetto o lip gloss? lip gloss tutti i giorni, rossetto nelle occasioni più che giuste, giustisssime!
  4. Serie tv preferita? Domanda ardua... credo che "Grey's anatomy" abbia sempre avuto un qualcosa di più delle altre... sebbene sia stato "Sex & The City" a rendermi chi sono!
  5. Segui gli anime/manga? No, nella maniera più assoluta! Ammetto però che da ragazzina ho fatto incetta di puntate di "Lupin", "Sailo Moon", "Piccoli problemi di cuore", "Curiosando tra i cortili del cuore" e "Terry e maggie"...
  6. Hai animali domestici (il fidanzato non vale)? R-Dog... attualmente il mio bambino, altro che animale domestico...
  7. Indossi il profumo? Se si quale? Mi ricordo che avrei voluto e dovuto indossarlo sempre troppo tardi...
  8. Ceretta, rasoio o crema depilatoria? Ho sempre fatto la ceretta, ma ora faccio ampio uso di antifungino e antibiotico, quindi la mia pelle tende, letteralmente, a staccarsi con grandissimo dolore, ergo mi rifugio nel silkepil...
  9. Segui qualche sport? Accanita tifosa di calcio, mi piace anche il tennis, che però non seguo con il medesimo trasporto, e dal vivo il basket!
  10. Pro o contro chirurgia estetica? Pro...
  11. Tatuaggi: si, no, ne hai? Si. ne ho 5 ed ha ragione J.Ax, fanno male anni dopo che li hai fatti ma per quello che ricordano...

le mie domandissime per i malcapitati sono le seguenti:
1. Cosa fate per rilassarvi quando siete nervosi?
2. Risolvete i conflitti discutendo, menando le mani, relegandovi in zone zen, tacendo, sommatizzando...?!
3. Siete stati catapultati in un'altra epoca... quale?
4. Il sogno che fate più di frequante?
5. Quante ore dormite a notte?
6. Pigiama, camicia da notte, nudi, due gocce di Chanel numero 5?
7. La vostra stanxa preferita della casa?
8. Se poteste avere un super potere, quale scegliereste di avere?
9. Qual'è il vostro super eroe preferito?

...ho deciso che risponderò io pure, perché mi diverto un gran tanto...
1. Faccio ore ed ore sul tapis roulant
2. Discuto SUBITO e non lascio nulla in sospeso, ovvio con chi mi importa di avere nella vita, o con chi sono obbligata a frequntare, altrimenti lascio perdere...
3. Anni 20 probabilmente, oppure nell'800...
4. Ho una scarsissima attività onirica...
5. Quando va bene bene bene 4/5...
6. Pigiamoni imbarazzanti e calzettoni ancor più pesanti perché tendo ad avere i piedi ghiacciati!
7. La cucina, se avessi una cucina separata dalla sala poi...
8. Leggere la mente degli altri... sono manipolatrice inside!
9. Iron man, grazie ai film... 

Ora dovrei taggare le persone che debbono fare codesto giochino, e so che se tutti fossero come me non si andrebbe particolarmente avanti, ma io lascio libero CHIUNQUE di partecipare, e fatelo, perché è divertente davvero... e se lo fate avvisatemi, che vengo a farmi gli stra-cacchi vostri!!!!

venerdì 11 ottobre 2013

Vai avanti con le antenne ricettive assai!

Quando vado al cinema becco sempre la reclam di una macchina, che non cito non per non fare pubblicità occulta, ma perché non mi ricordo la marca [cosa affatto rara, dato che le auto per me sono ricordabili solo se reputate belle dalla sottoscritta] che mi piace un sacco!

Dice che per avere ricordi devi vivere. 

Grandissima verità! 

Sottovalutiamo il valore di esperienze e vissuto, trattenendo presso di noi solo quel meglio che reputiamo tale, mille volte su dieci accodato ad un rimorso, peggio ancora ad un rimpianto. 

Vivere non è sopravvivere, e neppure decidere di sorvolare l'esistenza sulle ali dei sogni, più o meno grandi e fattibili che facciamo; vivere è accettazione del se è di tutto quello che gli sta nel mezzo, che lo abbiamo già detto mille volte e più che capita indipendentemente da noi. 

Ieri sono andata al lavoro, il mio amico Menny è arrivato, mezzo malato, solo per portarmi i biglietti del Liga, e siamo stati lì tre quarti d'ora a chiacchierarcela di tutto un po', io lui e Olly. 
Che ad un certo punto entra una cliente e ci dice; "Eccoli qua i tre amici!" ed io sento il dolce peso di una cosa bella, farsi sassolino che riempie la montagna, e mi sorrido dentro. 

Vivere la vita per godere dei ricordi; ricordi che inaspettatamente diventano tali nelle situazioni più disparate, senza che noi si faccia alcunché, banalmente limitandoci ad accettare questo buffo e desiderabile gioco giorno dopo giorno! 

Con queste meravigliosissssssime perle di saggezza vi auguro un buon primo giorno del weekend...

mercoledì 9 ottobre 2013

...bocconi di notizie senza capo ne coda...

...certo che non ci si può arrovellare dalle ore 7,34 sulla pagina bianca del monolocale bloggoso e non trovare una fava di strafuca da scrivere...

Cioè ci sarebbe da dire che sono stata dal barbiere e che mi ha tagliato lo scalpo un tantinello troppo corto rispetto ai miei gusti, e che comunque i capelli ricresceranno copiosamente, è solo questione di tempi.

Ci sarebbe anche da dire che ho fatto il cambio degli armadi, ma mi manca il reparto scarpe, ed anche se già così i racconti, roccamboleschi quanto basta da trasformare il mio blog in una pagina alla zelig, si sprecano, ho deciso che mi terrò la chicca per poter condividere con voi la spettacolare varietà della cabina armadi made in Patalice...

Potrei intrettenervi con la mia ennesima seduta dallo Strizza, e con gli effetti benefici che essa ha scaturito, o anche dirvi che debbo organizzare talmente tante cene/aperitivi/merende con amiche, presunte tali, e conoscenti, ma nel primo caso ancora non mi sento di condividere con leggiadria, e nel secondo penso che finchè non ci esco con st° gente che cappero mi posso inventare?!

Al cinema con Jn vado stasera, ergo non ho lo straccio di un film da condividere, e vi risparmio l'obrobriosa pellicola della settimana scorsa, "Mood Indigo - La schiuma dei giorni" che sarà anche un pregiato prodotto francese di suadente regista, ma io sono veramente troppo stolta per arrivare a punti così sopraffini... 

Mi stanno dicendo tutti che sono bella paffutella, la cosa non mi deprime di certo visto e considerato i livelli pseudo anoressici raggiunti questa estate, tuttavia se non scassassero in codesto modo i cojioni continuando a ripetermelo e dandosi vicendevolmente manforte nel dirlo, fastidio non darebero... tanto più che ho la tipicissima faccia di luna data dal cortisone, che non è la cosa più divertente del creato!

R-Dog ieri ha deciso di pisciare sul divano della SuperNonna, ed il fatto che lei non abbia cuore di rimproverarlo rende le sue abitudini fallimentari, e la mia continuamissione da educatrice un vero e proprio buco nell'acqua... 

Stanno iniziando a pubblicizzare "Shopping Night", non si sono più fatti sentire dalla sottoscritta, il ché suggerisce che non sono stata presa... Vero è che l'esperienza di un provino in quel degli studi milanesi è stata comunque una gran bella avventura, ergo non me la prendo... deduco banalmente che i selezionatori non siano dotati del buon gusto del quale li ho ritenuti capaci... vedremo come saranno le vergini suicide alla corte di re Renzo e Regina Carla, e le sputtaneremo convintissimi che io sarei stata mille volte meglio!!!


E la chiusa potrebbe riguardare la mia nuova "passione" da attivista ricercatrice di case in affitto, che mi vedrà impegnata in un vero e proprio tour de force da qui a mercoledì prossimo almeno, con appuntamenti vari e variegati, alla volta del sacro bresciano impero, ovvero la casa giusta per me e Brivido!!!

Ma non approfondirò nulla, come avete ben visto: un mozzicone a destra e uno a manca, una poca voglia di estendere la mia interessante esistenza ai posteri, e la potenzialità della scrittrice che va a morire, sotto una coltre nebbia di vacuità...

lunedì 7 ottobre 2013

vero e proprio autunno...

A me il weekend piovoso schifo non fa, affattemente.
Mi fa schifo non fare una cippalippa, che poi lo sanno anche le pietre che divento incontinente di parole, gesti, opere ed omissioni: per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa.

Nel post da figlia amorevole di sabato feci gli auguri alla SuperMamma per il di lei happy birthday, ciò che non vi ho detto è che il Paparotto Gigiotto, spinto da non so quale spirito da marito bravo e solerte, l'ha portata via per una micro fuga romantica, così io e Jn ci siamo fatte il weekend in sommessa solitudine, che alle volte è pure cosa buona e giusta!

Ergo colazione insieme sia sabato che domenica, con annessi giretti spendacciosi, più della mia Sisterrima che non miei!
BRAVA PATALICE LA RISPARMIATRICE!

...comunque ho dato anche io comprando un bel paio di pseudo Dott. Martines antipioggia verde bottiglia che sono un vero e proprio amore di scarpa...

Nonostante questo godurioso momento di felicità compratrice, il mio malcontento era già in the air...
Colpa di Brivido che io debbo comprendere perché lui è MOLTO STANCO e quindi non ha mai voglia di fare un cazzo di niente!!!

Sabato riposino a profusione post pranzo, ergo siamo usciti di casa alle 17,00 con la necessità di un caffè gigante perché non avesse più l'aspetto di un morto in cammino... 

Giretto in centro [dove ero stata già la mattina con Jn] acquisto di qualhe volume alla fiera del libro in piazza Duomo, e l'accordo di cena e cinema con la CougarCumpa, o almeno la parte che se l'è sentita di mettere il naso fuori di casa...


Alla fine cena punto e stop perché tutti erano TROPPO provati dalla giornata di inerzia piovosa per darsi una mossina e andare al cinema...

Incazzatura pressante della sottoscritta che si è piegata alla mercé di tutti e non ha fatto una beata di quento aveva voglia di fare...


Ergo d'ora in poi, piuttosto che avere los cojiones roteante per tutto il weekend, ho deciso che farò quella beata fava che mi pare e piace, così da non dover trascorrere le mie mezz'ore sbuffante a mo' di drago ...

Che il matrimonio NON è la TOMBA DELL'AMORE, ma non può nemmeno diventarmi la TOMBA DELLO SPASSO se no... 

sabato 5 ottobre 2013

gli auguri per un giusto motivo...

...perché sei una spaccapalle...
...perché mi hai passato la mania per lo shopping e quella per le spese folli che non mi posso permettere...
...perché mi conosci senza bisogno di parole...
...perché non ti arrendi mai con me...
...perché sei la mia prima fan...
...perché hai accantonato il tuo essere mamma in favore del tuo essere amica...
...perché non ti nascondi per quella che sei...
...perché mi sproni ad essere migliore...
...perché mi ami per quella che sono, ma anche per chi potrei e dovrei essere...
...perché vorresti che io fossi felice in ogni istante...
...perché lo so che vivi attraverso i miei occhi...
...perché detesti per partito preso ed ami incondizionatamente, senza macchia e senza paura...
...perché compi gli anni ma non invecchi...
...perché ci sei ma non sei invadente, o forse un po' si, ma accettabilmente...
...perché hai visto la morte in faccia ma te ne sei scordata quando ci ho fatto i conti io...
..perché hai la sfacciataggine di amare senza rivalse stupide e senza impedimenti razionali...
...perché sei la MIA MAMMA...

Buon Compleanno... 

invest in yourself... che è più meglio

Fate un favore a voi stessi. Imparate a stare da soli. La qualità del vostro tempo, della vostra solitudine, del vostro peso sociale, ...