venerdì 27 febbraio 2015

Accattatavillo!

Ho dato un'occhiatina alle sfilate, ma poi avevo gli episodi di Dharma e Greg registrati, ed ho acceso il mysky.

Non per fare la parte dell'insensibile, che se mi dicessero che danno un tozzo di pane alle modelle per ogni defilè guardato, me ne sparerei a bizzeffe, ma mi annoiano. 

L'unico che pare aver qualcosa in più da dire è quel Peter Pan incallito di Moschino, che ha fatto un contratto con la Mattel per schiaffare barbie ed orsacchiotti a destra e a manca, e con il diavolo per non imbruttire, causa plastica anti ecologista sparnegata in ogni dove! 

Comunque c'è la Milano Fashion Week, e prima/mentre/dopo, dobbiamo aspettarci i ridondanti post delle fashion blogger che condanneranno, o assolveranno, benediranno ed idolatreranno, i poveri stilisti che debbono guadagnarsi i 2000 euro ad abituzzo che chiedono . 

È un imperdibile appuntamento, che la fashion blogger che si rispetti non può non cogliere per farne occasione, un po' Come la versione del pandoro da parte dei foodblogger dall'8 dicembre in poi. 

Colgo l'occasione per ragguagliarvi sui miei gusti personali. 

Io lovvo i pigiami ed i calzettoni.

Perché non ci sono sfilati ridondanti, dove servono latte e biscotti o una tisanina calda al posto dello champagne, e non si richiede il plaid come accompagnatore?

Io farei il diavolo a quattro per andarci, e picchierei parecchi addetti ai lavori pur di avere un pass esclusivo, ed entrare nel prive: un enorme lettone!

E invece no.

Non esistono.

O meglio, c'è il rampante intimo di classe e pure quello un po' osé, quello da indossare con la vaselina, tipo muta subacquea... 

Ma non so...
Non perché non mi piaccia, chi non vuole sentirsi Samantha Jones per un giorno?!
Ma entrate voi in un negozio a comprare quelle "robette lì", io che mi presento al mondo vestita del pigiamone con l'orsetto che si sbrana il coniglietto, o il vasetto di miele che cola sul pavimento... 

E niente, fatto sta che mi viene in supporto e soccorso il web.

Faccio presente che io non riesco a sostituire il piacere della vasca in centro con borsina penzolante sul braccio, tuttavia ho notato che uno dei più viscerali piaceri che provo è riempire i carrelli degli shop online... 

E proprio di un e-commerce vorrei andare ciarlando: 
Intimania è un sito interessante.

Puoi spaziare dal tradizionale, allo strizzatette selvaggio, dal mutandone meno inguardabile per il fidanzato, alla guepierre che vorrei non vorrei ma se vuoi... 

Mi è piaciuto quello che ho provato, perché non si tratta dei soliti completini "intimassimi" o "tezenis" che vai in palestra e ti trovi il pube coperto dalla stessa mutanda di altre 3/4, è robetta succulenta, di quelli che o mi dai lo schiaffo sulla chiappa o lo prendi in faccia. 
Lo schiaffo. 

Ed una donna necessità di sentirsi tale ogni tanto...

Ecco, in questo sito si trova esattamente ciò che la vostra mente non osa chiedere, e vi viene recapitato il tutto nella più totale discrezione, scegliendo gioiosamente sedute davanti al dvd pirata delle 50sfumature.

E se avete la nomea della panterone della cumpa, ma cullate una Pollyanna inside,  potete mantenere il riserbo assoluto comprando dal web, dopo aver guardato la sezione pigiami o maglieria, ci troverete completi con canotte carinissime, e pigiami di tutte le razze, ed anche leggins perfetti per ogni occasione... 

Meglio di così!

Io, lo sapete, non faccio marchette reclamando una o l'altra cosa, ma per sto sito faccio un'eccezione, perché ho testato con mano che merita, ed ho difeso la fashion victim che c'è in me, parlando comunque di moda!

mercoledì 25 febbraio 2015

Oscar 2015 le cose viste da me

Premessa: tutti gli altri blog hanno fatto riassunti molto più capaci dei miei.

Non lo dico per vittimismo, ma perché tra consapevoli cinefili dal gusto sopraffino, fashion blogger dalla critica impietosa, e pure foodblogger dalla fantasia sorprendente, il mio blog dalla narrazione "alla cazzo", non potrebbe competere. 

Ciò non mi ferma da una recensione personalissima e feroce come lo zucchero nelle torte, q.b., che vi interesserà quanto la tracheotomia ai trichechi, ma che vi propino lo stesso. 

Ecco il presentatorissimo.
È stato il primo gay uomo [dichiarato], a calcare il palcoscenico del Kodak Theatre. Per me, e per tutti i malati di serie tv, è Barney, l'idolo incontrastato del mondo, prima di sposare Robin nell'ultima serie di How I meet your mother. Verrà ricordato per essere apparso in mutande, non un gesto nuovo. 
Gianni Morandi lo fece a Sanremo qualche annetto fa. 
SAGACE E MORDACE Voto 7

La quartetto dei vincitori principali. 
Rispettivamente per "Whishplast", "Boyhood", "Still Alice" e "La teoria del tutto".
I primi tre film non li ho visti.
Il discorso femminista della Arquette, capace di infiammare le ovaie di tutte le signore in sala, è tra i video più cliccati, meritatamente, di YouTube. 
Il bel Eddie, che avevo già avuto modo di conoscere in "Io e Marylin", non ha perso l'aplombe english style, ma in smoking, felice come un pupazzino era mirevole. 
...che poi io avrei preferito vincesse Michael Keating è dettaglio... 
Julianne Moore è un'attrice brava, non la più eccelsa del mondo, a mio avviso, ma Vanity Fair, che da la festa più fica post statuette, l'aveva adottata, quindi...
N.C - INFIAMMAVULVA - RACCOMANDATA - TEENAGE DREAM

La statuetta per la regia e quella per il film è andata a quella volpe revival di Alejandro Inarittu, il quale ha trionfato con quella pellicola sublime e geniale che è Birdman. Io sono di parte, ma a me ha incatenata, ed aveva ragione quella fanciulla che mi disse: "ti piacerà subito, ma dopo ancora di più..."
OMAGGIO ALLA REGIA DEL PASSATO+STAR CHE PERDE LA BROCCA= LOVE! Voto 8 

La miglior acconciatura della serata era quella di Scarlett Joahnson.
In lizza per un ciufolo di niente, ha ben pensato di scatenare l'umana ammirazione con un rasato rock, che
poteva star bene solo a lei e ad Irina, che però ha optato per il lapsus del guardaroba, come se potesse passare inosservata... 
MAMMINA TEMERARIA [Scarlett] voto 7
NEW SINGLE SMUTANDATA [Irina] voto 5

La mia vincitrice designata, per il ruolo di attrice protagonista, era Rosamund Pike, talmente luridamente bastarda in "The gone girl" da meritare la statuetta. 
E poi quel vestito rosso Givenchy era tutto un programma... 
DEFRAUDATA INGIUSTAMENTE Voto 6.5

Mamma e figlia a confronto, Melanie Griffin e Dakota Johnson, quest'ultima la più invidiata donna dalle casalinghe di Voghera e d'intorni, per aver interpretato Anastasia, quella delle 50 sfumature...
Hanno dato vita ad un simpatico siparietto sul red carpet: Melanie finge di non aver visto il film della figlia... Ah ah ah grasse risate. Si, come no...
LA SOTTOVALUTAZIONE DELL'OMBRA Voto comulativo 4,5

Speciale menzione della critica Pataliciosa a quella gran burlona di Emma Stone: prima fa passare Jennifer Aniston per una lardellosa, rea di non essere una smilzissima taglia 32, poi sembra scoppiare di incontenibile gioia per la vittoria della Moore. 
Alcuni la troverebbero irritante/fuori luogo/ridicola, io penso fosse vicina di posto dell'impronunciabile Benedict Cu-qualcosa, che non ha vinto per non mettere in imbarazzo il presentatore, che non avrebbe saputo chiamarlo a ritirare il premio, e che si è dato al l'alcol prima di arrivare da Vanity Fair...
UBRIACONA MOLESTA Voto 5

Mi ha dato fastidio Adam Levine.
Per due motivi: non ha vinto l'oscar per la miglior canzone originale, che è "Lost in the stars", uno dei pezzi più amati dalla sottoscritta; e si è presentata con quel pezzo di gnocca ben vestita della moglie, invece che con me, che ero pure andata dal parrucchiere per l'occasione. 
BASTARDO CHE CONQUISTA Voto 10

Le nere vanno in bianco... e va loro di lusso! La Zoe qualcosa, la protagonista de "le regole del delitto perfetto", sua maestà Serenissima Ophra, e la Lupita Nyong'o, erano raggianti sulla passerella.
Meno buono il Tom Ford immacolato della Resee, che è sempre tanto brava a raccogliere la pioggia col mento, e talentuosa nella recitazione, ma con quell'abituzzo ha i fianchi di Mamy di Via col vento.
IL QUARTETTO VERGINALE Voto unanime 8
LA BIONDA SENZA RIVINCITA Voto 5-

Il momento musicale più significativo, tralasciando la sbarellata ormonale di Adam, è stata la neo fidanzatina d'America, Lady Gaga, con un sentito tributo a quel mostro sacro di Julie Andrews, interprete incredibile e sempre  notevolissima. 
SENZA ZUCCHERO LA PILLOLA VA COMUNQUE GIÙ Voto 7



Statuetta di chicchettona non consegnata, e mi chiedo perché, a Jennifer Lopez, che c'entrava una beata fava, ma, a mio insindacabile giudizio, era la meglio vestita. 
PREZZEMOLA DI GRAN CLASSE Voto 9


Ultima menzione a quella draghessa senza vere eredi, perché DEVE recitare almeno ancora per dieci decadi, la Meryl Streep. Candidata senza motivo per molti, a mio avviso una sua interpretazione mediocre batte quella delle altre messe insieme, ma si sa, io sono di parte... 
Ascelle al cielo per plaudire il discorso femminista della Patricia, look consono, bellezza ancora più che accattivante.
IL RUGGITO DEL TALENTO Voto 9

...data la sagacia e l'arguzia dei miei commenti, se l'anno prossimo la stampa non chiama me a recensire è perché viviamo proprio in un Paese di cacca!

lunedì 23 febbraio 2015

Resoconto di GENNAIO... si GENNAIO, sono in ritardo, lo so!

...non tartassatemi... 
So che il mese di gennaio è un lontano ricordo, ma io capito ora a fagiuolo a resocontarlo, e lui non ha fatto nulla per essere escluso... Dategli una possibilità una! Che son lenta, ma poi ci arrivo... pensavo che avrei più fatto un resoconto...
Gennaio 2015 buon mese.
Tribolazioni ne abbiamo? 
Oh si, da vendere ed elargire, volete? 
Che poi ha avuto anche i suoi bei perché, che uno può dire "e chi se ne frega!", e okey, ma almeno lasciatemelo narrare, no?!


THE IMITATION GAME la pellicola di gennaio per eccellenza.
 - quando è uscito non mi sono catapicollata al cinema per vederlo, eppure, grazie ai blog cinematografici, la curiosità è cresciuta, nutrita dalle favorevolissime critiche, e sono andata. Benedetti siano i cineblogger! 
Un film incalzante, con un protagonista dal nome impronunciabile, che mette in scena tutte le manie ansiosa di un genio matematico, impiegato dell'intelligence americana inglese contro i tedeschi, nella seconda guerra mondiale. Scene struggenti, ed un'ironia che non ti aspetti, muovono veloci gli attimi, le paure e le tristi realtà. 

MASTERCHEF il programma tivù del quale non si può fare a meno.
 - paleso, ma probabilmente l'ho già fatto a più riprese, il mio amore del tutto carnale verso Cracco, del genere impanami come una fesa di tacchina] ma al contempo dichiaro che non è [solo] per lui che mi incita a seguirla come una fanatica. C'è anche il duello tra Stefano e Nicolò, i miei preferiti don dai casting e chiedete a Brividi se non ci credete, il mood sempre meno etero ma sempre più professional del Barbieri, e l'ironia bastarda di Bastianich... Val la pena di far l'abbonamento a Sky solo per loro tre! 

DOWNTON ABBEY 3'stagione - la serie tv feticcio.
prevedo ci sarà una nuova rubrica che parlerà di serial tv, che ho notato prendermi ed avvincermi sempre di più... All'inizio era solo qualcuna, giusto un po' di episodi qua e là, ma ormai sono avvinta da almeno 6 serial contemporaneamente... E non è tutto oro ciò che luccica: sta diventando difficile starci dietro! Ma, dopo aver parlato dei problemi della vita, vado a parlarvi degli abitanti della tenuta nella loro terza avventura: è stata la stagione più straziante, e al contempo quella che più mi è piaciuta! Inattesi colpi di scena, e drammatici addii hanno dato pepe nero al tutto... So che in streaming e su Rete4 la quarta ha già spopolato, ma l'appuntamento su Diva, ha qualcosa di retro e fenomenale... Come posso tradirlo?! -

L'IMPREVEDIBILE VIAGGIO DI HAROLD FRY - il libro di gennaio.
- è di una dolcezza commovente... scritto in modo molto semplice ed assolutamente discorsivo, mi ha incantata a tratti, e fatta piangere per altri versi. la storia narra di un neo pensionato che deve trovarsi qualcosa da fare per non impazzire, dentro la sua vita, apparentemente tranquillissima, ma che in realtà è il frutto di pesanti scelte fatte nel passato. Inizia a camminare, per rendere grazie e l'ultimo saluto ad una vecchia amica alla quale deve un gigantesco favore, e in breve diviene "un caso"...  
PASSARE DALLA NUOVA CASA TUTTE LE MATTINE la quotidianità che non stanca.
- non sono una particolarmente appassionata di cantieri, architettura e quelle cose lì... anzi vi confesso che non vedo l'ora di passare alla parte "da femmina" della situazione, con arredamento e suppellettili, eppure, veder crescere la mia casa è una magia che mi lascia felice tutti i giorni... che volete farci? sono una romanticona del mattone! - 

IL SUSHI la best Craccata.
- non che io lo abbia mai fatto in casa, penso proprio che non ne sarei minimamente in grado! ma nel mese di gennaio ci sono andata ben due volte a mangiarlo e debbo dire che mi piace sempre moltissimo! è tra i gusti più deliziosi coi quali coccolo il mio palato... ed ho la ferma intenzione di non smettere di mangiarne!-

AVER FATTO IL TATUAGGIO CON IL MIO MIGLIORE AMICO l'azione migliore.
- non ero convintissima di farlo, anzi, ho procrastinato fino all'ultimo, e solamente il giorno prima dell'appuntamento mi sono decisa sul soggetto, però ora sono felicissima della scritta indelebile sul mio fianco... la trovo bella ed evocativa a più non posso, e più la guardo e più mi piace! -  

RICONOSCERE LA MAREVA PER CASO AL CENTRO COMMERCIALE la sorpresa.
- che un banalissimo martedì sera i tuoi occhi incrocino quelli di un'amica che c'è, sebbene tu non l'abbia mai vista, è una sensazione che lascia una meravigliosa scintilla sottopelle! quando poi ti accorgi che ci chiacchieri come se nulla fosse, e senza i tentennamenti che ti capitano anche tra le persone che conosci meglio, capisci che i rapporti su web non sono solo belli, ma anche incredibilmente veri! -

L'INTERVISTA DI MOZZINO il miglior rimedio
- per uscire da un anonimato che debbo infrangere per forza, se voglio spingere i miei sogni a diventare realtà... ho incrociato tanti nuovi blogger, che mi sono venuti a conoscere, e che ora sono fedeli follower... è così che si fa!  - 

L'IPHONE 6 l'acquisto top.
-a dirla tutta, non l'ho proprio comprato, anzi... la Jn ci ha fatto cambiare piano telefonico per risparmiare, e, puta caso, in omaggio davano un iphone... vuoi che non ne approfitto subito come un rapace affamato? e quindi, eccomi qui che uso il mio nuovo smartphone felice come una pasqua!  - 

LA SERATA ALLA SCALA DI MILANO la mia avventura dicembrina
- regalo di natale che le figliole [io e Jn] abbiamo fatto alla SuperMamma: una notte in un hotel di Milano, con la visione dello Schiaccianoci alla Scala... M E R A V I G L I O S O! tutto ci è piaciuto moltissimo, dal trascorrere tempo con le mie donnine, all'agghindarmi in modo ultra chic per vedere lo spettacolo... da rifare!  -
JE SUIS CHARLIE la cosa su cui puntare. 
- ...l'inizio del nuovo anno è stato caratterizzato da un evento che è emblema della precarietà della pace nel mondo: la redazione di un giornale di [cruenta] satira, è stato bombardato dall'Isis, mietendo vittime tra i giornalisti e gli operatori... personalmente credo che la libertà di espressione sia un diritto per tutti, e che non debba essere imbavagliato da nessuna minaccia o nessuna idea contraria... tuttavia, se vogliamo fare i positivi che cercano l'aspetto positivo per vivere la vita positivamente, credo che da cose come queste sia necessario crescere, perché per raggiungere la vera pace e la vera libertà, serve sempre avere un obiettivo  -


FRANCESCO il blogger da seguire.
- c'è questo rapporto di amore/odio tra me e le donnine che propina alla fine di ogni suo post... tuttavia la sua passione per la corsa, mi rimandano l'immagine di un uomo che non molla... e diciamocelo, che si può volere di più dalla vita!? -


e come sempre, puntuali come le tasse, ecco anche i Pataschifo... Non pesantissimi ne numerosissimi, ma presentissimi... 

AVER ROTTO IL VETRO DEL VECCHIO IPHONE - Già era implicito a giorni mi arrivasse il 6, ma ti pare che, con tutte le cadute roccambolesche che ha fatto, il vetro si dovesse staccare proprio mentre ero seduta sulla tazza del water al cinema!? per altro non ero seduta, ma in squat... comunque 80 euro pessimamente spesi!
NON ESSERE PIU' PAZIENTE DI STRIZZA - è proprio vero che della medicina necessiti quando già stai male, ma io, che in questo periodo me la sto cavando, ho abbandonato la terapia... avrò fatto bene? mi ritroverò pazza e depressa pre tempore? ...solo il tempo ce lo dirà!

MOLLARE UN PO' LA PALESTRA poi mi son rimessa in carreggiata [ve lo dico perché pormai siamo a febbraio inoltrato...] ma ammetto che gennaio non è stato all'insegna del BE ACTIVE... anzi...


Ecco, ora che ho fatto il mio dovere di buona relatrice del mese che fu, vi auguro una gioiosa settimana... Se sentite la necessità di vedermi di più e di seguirmi maggiormente, qui sto su instagram e qui su facebook, ed ora la smetto con questa patetica reclame, giuro! 

venerdì 20 febbraio 2015

...perché la Pata è la Pata...

Dicevamo San Valentino.

Dicevamo perché è passata quasi una settimana, dalla festa rosso amore.

C'è chi ha ricevuto ricchi premi e cotillon; 
chi l'ha trascorso a mo' di Bridget Jones, a tracannare pessimi alcolici in un andirivieni di canzoni tristi e fazzoletti anti lacrima; 
chi si è fatto spennare in una cena tutta cuori e romanticismo; 
chi ha fatto sesso selvaggio, perché "Mister Grey sono io!"

Insomma ognuno ha il San Valentino che merita, o che gli è capitato in sorte.

Io ho fatto colazione con la SuperMamma e due amiche che vediamo troppo poco, 
ho avuto il cd di Tiziano Ferro in regalo da una di loro, ed io ho fatto la promessa, che le vedrò di più. 
E dopo una giornata a ramazzare e stuccare, in cantiere, Brivido mi ha portata a cena, e ci siamo dati allo sfrenato romanticismo, in un ristorante chicchettoso a dir poco.

Il giorno dopo era San Faustino, recentemente celebrata "festa dei single"... 
Quest'anno mi pare abbia fatto meno proselitismo del solito, questo movimento di protesta all'amour, tuttavia noi bresciani, siamo sempre scesi per le strade in quel fatidico giorno, perché da noi il 15 febbraio si festeggia il patrono, ed in centro si snoda un mercatino delizioso, con bancarelle del famigerato "pane e merda" e la voce degli ambulanti che rivelano l'ultimo rivoluzionario ritrovato della chimica per pulire qualunque cosa esistente al mondo.

Peccato piovesse come il porco, e non si sia fatto alcunché...
Una bella sorpresina, eh?!

Per sopperire, io Jn Menny ed Olly, siamo andati a vedere "Non sposate le mie figlie", gran bel filmino francese che dimostra, una volta di più, che se si impegnano, i cugini d'oltrealpe, riescono anche a far ridere... non sempre, ma a volte si...
Plauso all'impegno!

Ma io lo so che siete venuti qui, attratti ed attirati dal titolo.
Perché rievoca un appuntamento imperdibile, il clou dell'inizio di febbraio, che ha reso la scorsa settimana impermeabile a qualsiasi canale che non fosse Rai1.

...ed io vi ho tenuti lì, sul chi va là, appesi come salami in cantina, tesi nell'attesa del momento propizio...  ma ora è il momento delle rivelazioni: c'è stato il festival di Sanremo! 

Si sentiva la necessità di un altro punto di vista, dopo tutte le miriadi di impressioni, i miliardi di editoriali, e le quantità industriale di post prodotti sull'argomento!?

No, assolutamente no.

Ma sono la regina indiscussa delle insopportabili, e come tale agisco.

CARLO CONTI: facciamo un passo indietro. Sono italiana atipica, per me la Rai potrebbe chiudere i battenti. Si, guardo "Ballando con le stelle", i pacchi ogni tanto, ma se anche dovessero mancare non mi flagellerei. Quindi CC non lo conoscevo, e non avevo aspettative o pregiudizi. E l'ho trovato credibile. Veloce ed incalzante, sebbene abbia toccato picchi di terribilitudine parlando [?!] con gli ospiti stranieri.
Voto 6.5 CONVINTO e CONVINCENTE

EMMA: avrà pure fatto la voce grossa postuma, criticando chi la criticava ma lì la leonessa salentina ha fatto la parte è la fine della lepre: al salmì! Prima di tutto, non è colpa nostra se hai scelto di farti vestire da Bocelli, seconda cosa non puoi tuionare che tu fai la cantante e non la valletta, ti ha per caso obbligata l'Isis a partecipare? No così per sapere...
Voto 3 A OGNUNO IL SUO MESTIERE

ARISA: qualcuno la convinca che è una brutta rospa. Lo dico con solidarietà femminile, anche se potrebbe non sembrare... Almeno ai tempi di "Sinceritàààà" aveva il suo perché nerdeggiante... Ma adesso che fa?! La femme fatale che s'azzoppa e fa la scema?! Perché non è scema, no dai... Lo fa apposta... No!?
Voto 3 IL CAVOLO A MERENDA, NON C'ENTRA UN CACCHIO

ROCIO: la domanda unanime di chi non è abbonato a Signorini è: ma chi cappero sei bella alcaciofa?!
Trattasi della morosa giovane e nuova di zecca del Bova [che spero sia stato spennato a dovere dalla Bernardini-Pace, illustre squala del foro, mamma della ex muliera, giusto perché l'uomo che abbandona per amichetta più giovine, è per me INSOPPORTABILE!] che alla fine ha fatto il suo. Parlava italiano meglio delle altre due, indiscutibilmente più bella, ha anche avuto un certo gusto nel vestiario...
Voto 6 PERLA TRA I PORCI

NEK: Vincitore morale lo hanno definito.
Io ho esclamato "Ammazza la pupazza" quando l'ho visto sul palco...
Si era fatto attendere il bello figheiro della romagna, eh? ma non ha deluso le lunghe attese: voce squillante, cover pazzesca [youtubbizzate "Se telefonando"da lui rifatta... spettacolo], canzone in gara decisamente up rispetto al down del non-ritmo generale. Plausi.
Voto 8 EVVIVA GLI ANNI 00 SE LUI NE E' FULGIDO ESEMPIO

MALIKA AYANE: L'eterna piazzata che non vince mai.
Classe e voce da vendere, la canzone è bellissima, ed è pure riuscita a cantare Vasco senza sfigurare, cosa decisamente non facile, eppure Malika c'è...
Purtroppo la giuria popolare non l'ama al pari dei giurati del premio mia maritini, immancabilmente assegnato a lei per il n anno consecutivo!
Voto 7,5 LA TOTO COTUGNA 2.0

IL VOLO: che vi piacciano o no, la scoperta musicale della Clerici [che me la vedo un sacco complimentarsi alla Baudo, perché questi li ha inventati lei...] sono stati i trionfatori del festival. Annunciati... Nessuno è rimasto troppo sorpreso, le quotazioni non vi avrebbero resi milionari se aveste puntato su di loro [discorso diversissimo per la TATANGELO sempre più bella e meno amata dal pubblico...], eppure la canzone è di quelle che, passato Sanremo... stop! Non so come dire... è poco commerciale... poco canticchiabile sotto la doccia... a meno che non vi chiamiate Callas
Voto 6 CHI BEN COMINCIA...

LORENZO FRAGOLA: Il vero esordiente del festival era lui... sebbene se la sia cavata decisamente meglio di alcuni suoi illustri colleghi [vedi GIANLUCA GRIGNANI spiritato, o RAF in libera uscita da un sanatorio...] l'ansia ed il panico da palcoscenico sessantenne, si è fatta un po' sentire. 
Ciò detto, la canzone proposta merita, e consiglio di non fermarsi ad un primo ascolto, perché ha qualche frase-chicca non indifferente.
Voto 7- FRESCHEZZA IN ZONA CESARINI

PLATINETTE + GRAZIA DE MICHELI: Allora... le buone intenzioni c'erano.
Un testo piuttosto bello, una mission importante e dichiarata, due donne che hanno molto da dire al panorama artistico italico... poi però si cade nel paiolo della spettacolarizzazione, e si perde di vista l'obiettivo! La canzone è bella, ma dice poco se a cantarla c'è un Mauro qualunque con le unghiastre pitte di nero e gli anelloni alla Jack Sparrow... 
Voto 4,5 SARA' PER LA PROSSIMA

BIANCA ATZEI: se il nome non vi dice granché... nulla di grave, siete tra i tantissimi che nel vederla hanno detto la stessa cosa che hanno detto vedendo Rocio "Buna! ma cosa fa nella vita?!" ciò detto, della canzone ricordo poco, il ché non è un gran bel segno... però la dentona è un gran bellina.
Voto 4 alla canzone 7 all'aspetto UNA SU MILLE CE LA FA, MA NON LEI

I COMICI: Tutti, praticamente nessuno escluso, sono stati terribilmente inappropriati.
Da quella cima di Siani che insulta la bassezza e la grassezza, a quel fulgido esempio di manchevolezza di Luca e Paolo che dedicano una canzoncina di loro invenzione agli artisti morti con una sensibilità da tirannosauro, fino ad arrivare alla scoperta del web, Pintus, che se stava nel web rendeva felici molte più persone.
Voto 1 ...E SONO STATA LARGA DI MANICA

TIZIANO FERRO: Super ospite della prima serata, un fulgido esempio di come qualunque cantante all'Ariston, dovrebbe ambire a diventare! Cantato in modo superlativamente divino, elegante e bellissimo, ha continuato a dire che avrebbe voluto presenziare durante tutta la kermesse... CC non ha colto, tutti si domandavano come mai, però la cosa è morta lì...
Voto 8 E' IL REGALO PIU' GRANDE

LA FAMIGLIA PIU' NUMEROSA D'ITALIA: Un tristissimo velo di fede e carità scende sull'Ariston... il padre più prolifico del bel paese ringrazia ed invoca, il velo non è solo tristissimo, è anche pietoso e patetico... 
Voto 2    VIA CRUCIS

GIANNA NANNINI: Io dico, sei la rocker più figa d'Italia, se non riesci a cantare dal vivo, ma cacchio fai? Ma stai a casa a coccolare quella a cui vuoi tanto bene, e lasciaci vivere! Ed okey che te ne rendi conto, ed il giorno dopo definisci "un troiaio" quello che fai... ma noi abbiamo ancora le orecchie violentate, ne più e ne meno!
Voto 3 POTERE DEL CRISTALLO DEL PLAYBACK

L'ARISTON: Quella scelettina sfigatella, quell'assenza di fiori nella scenografia, quel pubblico un pochetto sull'imbalsamato andante... boh... non è che stato poi chissà quale opera di teatro redento!
Scelte meno tradizionali e più azzardate avrebbero fatto la differenza?
Per me si...
Voto 5 DAI CHE CE LA FAI!

...non iniziate a dire che non ci sono stati solo quei 4 cantanti da me citati, lo so anche io, ma questi son quelli che per me hanno fatto la differenza, nel bene o nel male... per il resto, credo sempre fermamente che a novembre ci sarà un boom di nascite, perché si sa, le coppie che durante la settimana stanno a casa, e non hanno un bel niente da guardare in tv, per forza di cosa debbono trovare un alternativa a sanremo o no?!

mercoledì 18 febbraio 2015

finalmente le tanto attese risposte al post delle domande...

Correva l'anno 2014, quando scrissi questo post, FAMMI UNA DOMANDA FAMMI PENSARE, ed ho avuto modo di apprezzare la mente malata dei blogger che hanno posto domande a più non posso...
Avrei parecchie cose da, come si suol dire a Brescia, contarvi su...
Tra San Valentino, San Faustino, Carnevale, Quaresima, e compagnia rampante, di materiale per scrivere scrivere scrivere, ce n'è...
Ma siccome ho in sospeso questa pratica, penso proprio che la liquiderò... Anche perché mi attanaglia il pensiero che voi siate stati tutto questo tempo in trepidante attesa... 

WANNABE F si chiede: Chi sei stata in una vita precedente?
 Patalice risponde: Penso di essere stata una delle giovani menti femminili che hanno rivoluzionato il mondo nei primi 900, con verve e sagacia davo filo da torcere agli uomini, che stravedevano per me, sebbene fossero spaventati dalla mia autonomia e determinata indipendenza... Probabilmente ero un'insegnante in un collegio femminile, una professoressa nubile e piena di flirt che predicava la solidarietà femminile.

MECHANICALROSE si chiede: Visto che nel post precedente abbiamo concordato che stare a dieta durante le feste è una bestemmia… qual è il dolce (o piatto) che non vedi l'ora di mangiare in questo periodo? C'è qualcosa che ti piaccia che mangi solo durante il Natale e attendi tutto l'anno?
Patalice risponde: Premesso che sono golosissima, e che le feste sono una buona scusa per incrementare il numero dei dolci giornalieri, posso dirti che attendo con ansia la fettarda di pandoro con budino al cioccolato post cenone della vigilia, ma non lo relego alla sola notte del 24 dicembre... Mentre la lingua salmistrata ed anche il cotechino si, direi che sono cose che mangio solo ed esclusivamente quel giorno, li attendo con enorme sollecitudine e sono contenta come una pasqua quando li azzanno!

CERVELLO BACATO si chiede: Ti piace viaggiare? E dove sei stata e cosa ti ha colpito di più dei viaggi che hai fatto?
Patalice risponde: amo viaggiare... ma l'ho riscoperto da poco! Ho fatto diversi viaggi, elencarli tutti sarebbe un elencone, e credo proprio che me ne scorderei di super importantisssssimi... Comunque mi ha colpito incredibilmente l'enorme suk di Marrakesh che ho visitato con i miei e mia sorella, ed avrei preferito di gran lunga essere stata abbastanza grande da avere cose per me stessa... ed anche il mercato di londinese di Covent Garden nel quale tornerò appena potrò fare shopping senza pietà! Di New York mi ha colpito la capacità di stupire in modo continuo e continuativo, ed il fatto che ha talmente tante sfaccettature che non è possibile a qualcuno non piaccia. Mi ha colpito la libertà sessuale di Mykonoss, nelle sue mura innocenti di bianco splendore; e l'apparenza antica e bellissima delle montagne a Moena, una città che mostra i lati più belli dell'Italia. In Francia c'è sporco ma profuma, e Parigi è la mia capitale, perché sa di superficiale e futile. A Dubai e ad Abu Dhabi ho visto che il pregiudizio sul mondo musulmano non è niente in confronto all'opulenza che può dimostrare... 

LA FOLLE si chiede: Eccola, ce l'ho: cosa fai se ti alzi di cattivo umore e vuoi tirarti su per evitare di uccidere qualcuno di prima mattina? Mangi un cornetto alla nutella, ti fai un selfie in bagno, suoni al citofono del vicino e scappi, cosa? 
Patalice risponde: Sai qual'è la cosa strana? Che spesso io sono di pessimissimo umore, ma raramente mi sveglio col piede storto! Poi degenero durante la giornata, ma quando mi alzo, solitamente prestissimo, non sono mai sul piede di guerra... La cosa certa è che di primo mattino evito selfie al bagno, ma caldeggio la nutella. Sempre.

LUISA si chiede: Dai: il tuo miglior augurio, nei confronti di te stessa, per il 2015!
Patalice risponde: ...la coerenza direi... Vorrei coerentemente fare atto di fede e continuare a sostenermi, senza avere aspettative e senza farmi grandi promesse... Non mi auguro solo questo per il 2015, ma questo sarebbe già davvero tantissimo per me stessa!

MOZ si chiede: Eccomi qui: qual è la più grande porcata che hai fatto (non intendo in ambito sessuale, ma culinario, ricreativo ecc)?
Patalice risponde: ...peccato che si tolga di mezzo il mio potenziale suino, comunque direi che aver approcciato il buddismo convinta mi avrebbe cambiato la vita, è stata una poderosa porcata! Non per altro, ma manipolare un pensiero positivo per riuscire a voltare pagina è una cagata pazzesca!

MAREVA si chiede: Hai realizzato qualcuno dei sogni/obiettivi che avevi a 17 anni?
Patalice risponde: ...a dirtela tutta no... Nel senso che uno dei motivi che mi ha più destabilizzata nella vita è stato aver deluso la Patalice ragazzina, quella che sorrideva e con le guanciotte piene guardava al domani piena zeppa di voglia di fare e di vita da bere direttamente dalla bottiglia... 
Non sono la [quasi] trentenne che pensavo sarei stata a 17 anni, ma non è più un problema e questo mi piace... 

PIER si chiede: C'è qualcosa che proprio non tolleri del blogging?
Sei credente (forse l'hai detto ma al momento mi sfugge)?Patalice risponde: Si, c'è qualcosa che non tollero... i commenti di reclame referenziale per i blog dei mittenti di quei commenti, non sopporto proprio questa forma di spamming gratuita che mi innervosisce sempre parecchio... E la forma di edonismo puro ed incondizionato che colpisce i blogger noti, quelli che fanno di loro stessi merce o ispirazione per il popolo, e che si comportano come star pur non sapendo fare alcunché, se non, forse, i selfie o gli outfit ad Hoc... 
Si sono credente, e sebbene per pigrizia pratichi poco e male, credo bene e forte, con speranza e tenacia, anche se non so se tutto questo porterà a qualcosa di veramente buono, ho la presunzione di credere che così sarà... 

ILENIA ZITO si chiede: Anch'io ho una domanda per te! Il lavoro che avresti voluto fare?
Patalice risponde: La scrittrice. Vorrei ancora farlo.

KANACHAN si chiede: c'è stato un momento, nella tua vita, in cui hai pensato: "Basta, mollo tutto e che se ne andassero tutti a quel paese!"???
Patalice risponde: Oh si, come no... e non c'è stato un momento soltanto, decisamente!

BORDERLINE si chiede: qual è la cavolate che hai fatto ma non rinneghi?
Patalice risponde: Non aver proceduto nella carriera di attrice teatrale... 
Si, diverrò una meravigliosa scrittrice, ma il pubblico mi rimpiangerà per sempre per aver scelto di smettere...

ELIO si chiede: La domanda: "Perché parti dal presupposto che abbiamo due balline?" 
Patalice risponde: ...perché sono uscita con abbastanza giovanotti per averne la certezza... 

WONDER FAB si chiede: io sarò estremamente banale come sempre ma....quando ci prendiamo quella famosa cioccolata?
Patalice risponde: Ora che hai preso l'estrema scelta... Moooooolto presto!

IO FEMMINA si chiede: Se potessi cambiare una sola cosa nella tua vita, passata o presente, quale sarebbe?
Patalice risponde: ...questa è seria... Non mi illuderei di poter diventare madre in modo "naturale"

PAOLA A ROOM OF A VIEW si chiede: Ti faceva paura l'orso della pubblicità del Coccolino? 
A me moltissimo. Patalice risponde: Per nulla, anzi, mi ricordo che qualcuno aveva il pupazzetto... L'avrei voluto!

FETTA DI PARADISO si chiede: se fossi stata Marilyn saresti andata a letto solo con il profumo o avresti indossato anche un pigiama?Bella questa eh?
Patalice risponde: Senti ragazza mia, io sono una freddolosissima, ti pare che con una goccia di Chanel mi sentirei a posto? Assolutissimamente no! Io sono per i pigiamoni di pile, per i calzettoni e la canotta infilzata nelle mutande, altroché!

NON SI DICE PER PIACERE si chiede: La mia domanda è: cosa hai chiesto a Babbo Natale?
Patalice risponde: Tante cose... Mi aspettavo gli Ugg nuovi, e li ho chiesi e sono arrivati... Li avrei preferiti color coloniale in verità, mi sono stati recapitati blu... però son stata contenta comunque, dai... 

MIKY si chiede: domanda: qual è la serie tv che hai rivisto o che rivedresti fino allo sfinimento senza stancarti mai?
Patalice risponde: Sicuramente "Sex & the city"
L'ho visto mille volte, lo passano a ripetizione su fox e su la7, ed ho la collezione su DVD, eppure lo rivedrei ancora e ancora e ancora, e non mi stancherei, questo è certo!

FEDERICA si chiede: hai poi finito how i met your mother?
Patalice risponde: Eccome se l'ho finito... e che brutto finale! 
Mi ha delusa assai... e ancora non mi sono ripresa da questa delusione amarissima!

Ringrazio chi mi ha regalato un istante per impicciarsi simpaticamente della mia esistenza.
Da buona, anzi ottima egocentrica, avrei gradito qualche domanda extra...

biscotti al burro d'arachidi, cambio di stagione e taglio rifatto!

Premessa doverosa: io non sono una foodblogger Lo dico per giustizia di informazioni, ma anche perché non potrei nascondermi dietro un d...