venerdì 27 maggio 2016

Per essere felice, comincia a provarci

...ma quando pensate al futuro, a voi, non viene stra voglia di viverlo!?

ieri mattina l'esordio del mio utilizzo quotidiano di facebook, è stato sancito da questa frasona di cattiva cattiveria, che ha riscosso entusiasmo, like e pure qualche parere contrario...

partendo dallo splendido splendente punto di vista che la vita è una sola, e sprecarla è da perdenti bimbiminkia [...così, tanto per essere teneri...] ho elaborato una semplice ed efficace teoria sul futuro, basata principalmente sulla completa consapevolezza di un sano egoismo che muove le montagne: sii felice!

dopo aver esaurito gli applausi e i "grazie al cacchio", vi esorto a pensare a quanto tempo trascorrere compiendo atti che vi rendono lieti... all'impegno che mettete per sorridere ogni giorno... alla predominanza che date al problema, rispetto alla soluzione... all'ardua conquista del bello, rispetto alla facilità dell'accontentarsi... al grado di riconoscenza che accordate ogni giorno alle piccole cose... 

dire la verità, l'appannaggio dove se ne sta? 

c'è una fotonica frase di Tolstoj che dice: "Se vuoi essere felice, comincia!" ed io ho iniziato a crederci...

cioè, io non sorrido perché sono scema, con la testa vuota, e senza alcuna preoccupazione o problema al mondo; io sorrido perché non farlo è la stessa identica cosa, non mi porterà ne avanti né indietro; non mi toglierà la tristezza che magari celo, ma il mondo di me dirà che sono bella. 

...perché che voi siate Emma Watson o Nonna Papera, se sorridete siete più belle... non ce ne sono di cazzi! 

scherzi a parte, io la ricetta della felicità non ce l'ho, ci hanno provato Muccino Big Brother e Will Smith, ma anche loro sono messi a merda a tratti [piu il primo a dire il vero... ], ergo vi butto lì un paio di ingredienti che ho usato io:
* tagliare i rami vecchi 
amicizie scadute, o che sanno di rancido... via via via! che il tempo che le nostre impegnatissime vite ci dà, è poco, veramente avete voglia di sprecarlo?!
* eliminate una delle nostre menate
...che tanto lo so io e lo sapete voi che ne avete più di una... ecco, sceglietene una [l'allergia al junk food, la fobia di non piacere, la felpa aggrappata ai fianchi per nascondere le chiappe...] e depennatela.
non è facile, dite? 
perché, ci avete mai provato davvero?
* fate amicizia con voi
potete anche essere piacevoli, sapete?
dietro le mille pare, i difetti evidenti, e le elucubrazioni che vi imbronciano, potreste scoprire personcine che valgono la pena di un gelato in solitudine, o di un pomeriggio al parco in compagnia di musica o libro... 
* diventate "yes girls"
perché è un dato di fatto che, di primo acchito, ad inviti e proposte si pensa "no" e si dice "vediamo"... 
e se vi abbonaste al si?
così, per provare... per una settimana...
ah, state lontane dai signori che si aggirano nei parchi con impermeabili, dai quali spuntano mocassini con risvoltini troppo alto...
* smettete di lamentarvi
che voi elenchiate al mondo i vostri drammi, o vi teniate per voi le magagne, non cambierà assolutamente nulla... ma sarà più piacevole parlare con voi...
* ogni giorno, fate qualcosa che vi rende felici
sdraiatevi sul divano a guardare "Futurama"; fumatevi la sigaretta che vi manca da quando avete smesso; comprate fiori da mettere sul comodino; bevetevi una cioccolata calda anche se ci sono 30 gradi; andate al bar per il caffè; prendete i biglietti per il concerto che volevate vedere... Fate qualcosa di bello per voi. Sempre. Tutti i giorni. 
* intraprendentissima tu
quel messaggio che non vuoi mandare, quella domanda che hai paura a fare, quel l'aumento che titubi nel chiedere, quel campanello che non ti seni di suonare...ma che cavolo! e fallo no!?

Buona vita amici

mercoledì 25 maggio 2016

...e alla fine si parte...

Dovrei essere tornata.

Credo.

Non sono sicura, perché con me, il mai non deve essere davvero detto mai.

E niente, la settimana scorsa c'era l'evento legato alla solidarietà per la fibrosi cistica, è stato particolarmente importante per me.

L'estate scorsa, quando Marta è venuta a mancare, una parte grossa di anima e cuore, è volata via con lei, ed io non sono più stata la stessa...

...lei non voleva morire, lei era convinta che ce l'avrebbe fatta, lei mi dava forza, lei era organigramma del mio senso di giustizia e di quello a mancare...

E non c'è più.

Non c'era più nell'istante preciso in cui mi è arrivato un sms, crudele e secco, chiuso in un breve parafrasare di frasi fatte ed affettate.

Non l'ho accettato ai tempi, non l'accetto ora...
Non l'accetterò mai.

E' certo che mi ha cambiata, dentro, profondissimamente.
Non mi importa più la vita se non può essere felice, se non sa essere leggera, se adopera manierismi laddove un veloce fraseggiare è bastevole.

Incito alla felicità, condanno le occasioni perse, esorto ad essere chi si vuole essere e a non lamentarsi che tanto nulla cambia e tutto si sbaglia. 

Ho deciso di non lasciare mai più intentato nessun tentativo, ho scelto che preferirò la mia coscienza dilaniata dal rimorso che un rimpianto al quale sia troppo tardi porre rimedio... e me la vedrò con me stessa e con me stessa soltanto, che se è destino accadrà, e questo è un fatto.

Lottare per la fibrosi cistica, perché si trovi una cura, perché non si debba più morire, è una missione che mi vede impegnata, e che ha trascinato tre miei giovanissimi amici, ad essere trapiantati, tutti e tre nel giro di pochi mesi... Ognuno con la propria storia, ognuno con la propria personalità ed i propri percorsi, ognuno con la voglia di rivalersi contro qualcosa che mai hanno potuto controllare... 

Adoro queste tre meraviglie dai polmoni nuovi, dei quali osservo i nuovi tatuaggi su facebook, ammiro le sfide differenti, il senso dell'umorismo che hanno... tra una maglietta con scritto "Voi vi rifate le tette, io mi rifaccio i polmoni", una passata di smalto rosso scarlatto sui piedi, e la voglia di uscire dall'ospedale per conoscere Ilaria D'Amico... 

Ecco per chi e per cosa ho trascurato il blog, e non me ne vergogno, anche se avrei voluto tenervi più informati e più presenti, perché ad alcuni di voi lo devo, siete importanti... 

Ma non ho avuto tempo.

Che vi devo dire?
Ordinaria poesia di vita pacata, normale, sempre uguale eppure così diversa da se stessa ogni giorno che passa.

Ho voglia di karaoke, di pelle abbronzata, di gelato nocciola e pistacchio leccato con lentezza da un cono in un pomeriggio normale, di farmi i selfie in costume da bagno coi capelli rossi che brillano al sole... parto per il mare tra poco.

Ho un costume nuovo, un sacco di libri da leggere, posti mai visti da vedere, e tutta una vita futura da progettare... 

...e lo so che sono parole, sempre parole, a volte solo parole, ma da quelle si parte, e poi si vedrà di vedere come va... 

lunedì 23 maggio 2016

random, tra foto e parole

tra pizza... sushi... brioches... biscotti... fette di torta... gelato... pane con la salamina... patatine fritte... spero che sia vero, perché ci ho dato veramente, ma veramente dentro!
ieri caldo porco, tanto che mi sono strinata il nasino, ed oggi fa un freddo becco, è umidissimo, ed ha pure tempestato... voglio andare a casa, mettermi sotto la copertina e prepararmi una ciobar bollente!
è giunta l'ora di tatuarsi... ed ora ci ho proprio voglia ci ho... ne ho in previsione almeno 3, ma potrebbero diventare 4... comunque questo mi piace ma non mi convince... bah...
questo rufianino qui, sabato, ha compiuto 3 anni... cioè sono 3 anni che la mia vita è migliore... piena di peli che faccio fatica anche solo ad aspirare, ma un sacco meglio!
mi sono allenata come una povera pazza, la settimana scorsa, ed ho qui le gambe che mi fanno male di maledetto... non mi commento, che è meglio!






sabato 21 maggio 2016

Riassunti ingrati e gratitudine astratta

blogger bravi bravi, non dimenticano che il venerdì pubblicano, e se hanno da fare, si organizzano per programmare un post.

...che non sia una brava blogger lo dicono i fatti, dunque...

Ciò posto, sto recuperando,
Di sabato... Mattino... 
Dopo aver dormito solo due ore, due. 

Si avete ragione, c**zi miei, ma la condivisione è cosa buona e giusta, ed io oggi elargisco giustezza.

Vorrei dettagliatamente raccontarvi del mio compleanno, della settimana benefica organizzata nella palestra dei miei, del venerdì sera appena trascorso senza fiato...

Ma sono molto molto più brava con gli appunti sparsi, uno zibaldone disadorno e disordinato, che spicca più per le sue manchevolezze che per altro... 

...ergo a quello mi attengo, per coerenza delle competenze, più che altro...

COMPLEANNO
*primo anno che festeggio in anticipo:
un pranzone con la family, quella di sangue bella e quella di elezione scelta!
un posticino nel centro di Brescia, risate tante, pezzi di pollo fritto e crocchette di zucchina a farla da padronissima! 
questo sabato, mentre domenica apericena con la cumpa più ristretta, mancavano due elementi alla completezza, a quel perfetto 10...ma bene uguale! 
*ho ricevuto un sacco di regali, quasi tutti richiesti tramite lista fotografica, che da un mese pubblicavo giornalmente su Instagram condividendo su Facebook. 
Se ve lo chiedete, no, l'effetto sorpresa non è mancato...e sono Happy come canta Pharrell Williams!
*è il primo anno che la SuperNonna non assiste all'apertura dei regali...non sta bene, amarezza.
*come ogni compleanno vuole, ho dentro ancora fregola ed un pizzico di paranoia, solitamente scema coi giorni...

MARATONA SOLIDALE
*abbiamo venduto tutti i biglietti della lotteria, le magliette stanno andando a ruba, i pacchi gara della corsetta di domani sono esauriti... 
è stato l'anno dei record insomma!
*come ogni anno, Paparotto Gigiotto è tranquillo come uno che dorme sulle spine, la terapia contenitiva mia e della SuperMamma non sortisce gli effetti desiderati, proprio no...
*mercoledi sera super aperitivo: ci sono la Pucci ed il marito super fotografo che ci hanno fatto sentire tutte star del set fotografico, e non hanno voluto un tolino... ci sono i lawer che non mancano mai; il gruppo delle fitgirls con l'argento vivo addosso; la mia Roby Tatuata e Nocciolini, che sono certezza di amicizia oltre le distanze; la Gatta-ta-tata e la Sali e Tabacchi che non mancano, nonostante non ci si viva più come prima... 
*e si, sono circondata da gente bella fesssss...i già citati inaspettati dell'aperitivo; la Educattrice che ha la congiuntivite e manda sua mamma a dare il contributo; la Sonietta delle Spaziali, che con il Santi di due mesi viene per comprare i biglietti della lotteria; la Clara la Giully la Gabri, amiche senza se e senza ma... 
*perché l'entusiasmo non mi manca ma abbonda? 
per Marta che non c'è più; per Samantha che sta ancora combattendo inchiodata tra 4 mura; per Eli che mentre le altre di rifanno le tette si è rifatta i polmoni; per Nicolas che giusto l'altro ieri l'hanno chiamato per iniziare una nuova vita; per Daniela che piange perché ha paura per il suo bambino, ma ci crede; per Chris che sta compiendo il viaggio della speranza; per Julia che sa sempre tutto pur di confortare lei stessa e gli altri; per me che lo so... la cura la vedrò coi miei occhi...
*e quest'anno più di ogni altro, la solidarietà arriva a commuovermi un bel po'... 
si, sono una mammola!

WEEKEND
*ieri 3 ore ininterrotte di corsi in palestra: step funcky, double gag, la competizione di crossfit da campionessa, il trx spacca gambe... 
*ieri pizza, due caffè, due red bull, due ore e passa di ballo sfrenato in discoteca, che non si ha mai voglia di andare e poi si va a casa a fatica...
*oggi completiamo l'organizzazione della corsa di domani, c'è il torneo di calcio, e ci sarebbero pure da recuperare le sole due ore dormite...Che ho un'età cazzo!
*stasera il sushi non me lo toglie nessuno comunque...
*domani camminata, sarà l'ultima che organizziamo!? boh, comunque ho voglia tanta che arrivi lunedì per riposare... e no, non è una battuta proprio per niente!

Regina e Strega, sono questo, per vocazione ed elezione degli altri, che ormai mi hanno battezzato così...
Ah, e sfacciata anche...
E si, è tutto vero. 

mercoledì 18 maggio 2016

Rabbia

Diciamocelo:
Fare arrabbiare me è facile.

Sono fughina di natura, e basta un tono sopra o una parola di troppo ad incendiarmi come uno zolfanello.

Straordinariamente, complice il sonno atavico che mi ha attanagliata con la primavera, il mio "lato Hulk", se n'era rimasto silente a guardare cartoni animati, sgranocchiando biscotti, e colorando migliaia di mandala, ignaro che i giorni passassero ed il mio fegato non si ingrossasse. 

Ma è passata la poesia.
E ieri, il bel castello costruito tra i km di corsa macinati sul tapis, e le puntate registrate di "Castle", si è rivelato di carta, andando giù come niente.

La realtà è che "quelli come me" vivono al 300%, e non ammettono sbagli. 

Mi hanno insegnato che, prima di pretendere il meglio dagli altri, devi essere tu a dare il meglio di te.

E così, cerco di agire sempre. 

Non è semplice, perché essere coerenti non è matematica, ed occorre adoperare pazienza grazia e temperanza, quando si ha a che fare con le cose della vita, che non sono immobili, che cambiano.

Ma ci si riesce. 

Dare per scontato, non apprezzare la fatica altrui, essere irrispettosi, sono tutte sfumature dell'essere umano, ci siamo caduti tutto dentro, ci sono caduta anche io... 

Però, il fatto che sia male comune, non è mezzo gaudio per NESSUNO, e non mi pone nella condizione di essere minimamente comprensiva. 

Sono incazzata. 

E, una larga fetta, l'ho cucinata con le mie mani, rendendomi troppo disponibile, e non prendendo decisioni estreme, per non ferire coloro i quali amo e mi amano di più. 

Goccia che fa traboccare il proverbiale vaso... 

Lesson number one, dell'età nuova: scegli il meglio per te. 
Il resto si dissiperà. 

lunedì 16 maggio 2016

16 maggio 2016- Patalice compie 31 anni

...non cambia nulla...

è solo un 1 in più vicino a quel 3 che ti faceva tanta paura, che ti ha resa paranoica, incrementando le menate...

eppure, come sempre fai, perché tu sei così, in questo 1 tu ci vedi un sacco di cose:
ci vedi quei sogni che ti ostini a lasciare nei cassetti;
ci vedi quelle aspettative alte che procrastini;
ci vedi quelle valigie da preparare, per le quali posponi sempre;
ci vedi le cose grosse, quelle che cambiano la vita;
ci vedi la te stessa più autentica, quella versione di te che pare non cambiare mai, e cambia sempre...

REGINA
mi sono autodefinita così una volta, e c'è chi così ha preso a chiamarmi.
me lo sento addosso questo nomignolo per nulla umile, mi ci sento bene dentro, e me lo sento mio...

la Jn, su facebook, ha fatto un collage delle mie fotografie, mettendo 31 aggettivi che mi contraddistinguono:
Leale.
Sincera.
Amica.
Sognatrice.
Rompiscatole.
Fashion.
Divertente.
Buffa.
Bella.
Lunatica.
Inarrestabile.
Atletica.
Tecnologica.
Tascabile.
Stilosa.
Spendacciona.
Innamorata.
Lettrice.
Harripottiana (che fanculo se esiste petaloso esiste pure questa!).
Severa ma giusta.
Viaggiatrice.
Tenace.
Forte come un rock'n'roll.
Foto igienica.
Insonne.
Libera.
Scrittrice.
Ascoltatrice.
Maestrina.
Tatuata.
Vanitosa.


La Pata trentunenne è tutto questo...
E che bene!

Beh, niente, ci sono:
cose da fare
regali da aprire
messaggi ai quali rispondere
notifiche facebook alle quali dare udienza...

Per oggi passo e chiudo...
...tanti auguri a me! 

venerdì 13 maggio 2016

ultimo post dei miei trent'anni tondi tondi


Siamo giunti all'ultimo post da trentenne, pre trentunesimo compleanno.

Suppongo potrei scrivere delle profondissime riflessioni su quest'anno di cambiamento di decina, oppure potrei delucidarvi sulla condizione di una giovane trentenne nella società odierna, o ancora potrei tenere una sottospecie di comizio sulla vita che cambia, le abitudini che si modificano, e le sensazioni che attanagliano.

Oppure no.

Potrei sprecare il mio talento letterario per la "solita me"
...quella me svagata, cazzona, cazzara, leggera, che amo essere ed interpretare...

Ergo vi sciorino cacchi miei, come panni al sole, cacchi attuali, freschi freschi di giornata!

1. Correre mi piace sempre di più.
Sto diventando fissata e compulsiva.
Ma sono felice.
Ormai ho mezz'ora nelle gambe, nel fiato, nel cuore.
E mi piace.
Ascolto la musica dagli auricolari, e non lo facevo da tanto tempo, e canto.
E sono felice quando scendo sudata, nel vestito peggiore, e non sono andata, ma mi sono mossa tanto.

2. Sono stata al cinema del paese.
Davano un film che volevo vedere, "Il condominio dei cuori infranti".
Il film è carino, tanto, francese a dir poco... ma in senso positivo questa volta.
Ho bevuto un Estathe, e mi sono guardata tanto intorno.
Martedì sera, sala stra piena di gente serena e quieta, chi non vorrebbe lo stesso?

3. L'organizzazione dell'evento solidale è ormai in auge.
Voglio portare tanti tanti fondi alla fibrosi cistica tanti tanti...
Mercoledì si comincia, e fino a domenica sarò così impegnata da non aver tempo di pensare ad altro.
Forse forse non sarà benefico solo per la fc... 
Ho bisogno di staccare, di divertirmi, di giocare con cose belle.

4. Il mio mondo rosa mi piace.
Guardo Jn, e penso che se tornassi indietro, vorrei averla avuta come coinquilina, io e lei da sole, perché mi sembra che lei sia l'unica persona che sarà davvero per sempre.
Aspetto che la SuperMamma ritorni ad essere lei, perché mi fa barcamenare sentirla così instabile.
Confido alla Tatuata una cosa che mi fa sentire in colpa, e non mi giudica, non mi critica, e non mi guarda come se fossi sbagliata.
Bevo latte al cioccolato con la mia amica Roby per merenda, parliamo di tutto e di niente, e stiamo bene insieme, e sento che è cosa bella.
Nuzzu mi pubblica una cosa in bacheca, e capisco che lei è sempre lei, anche quando io non la capisco, anche quando la allontano o lei allontana me.
La Peppa e le altre gym girl mi trattengono nelle loro vite, con messaggi, foto, sorrisi, ed io non sento apparenza lontana da loro...

5. Ho voglia di sapere cosa mi regaleranno.
Sono curiosa.
Non ho idea, e non ho voglia di saperlo.
Non sto indagando, non sto approfondendo, non sto chiedendo indizi.
Metto i miei suggerimenti su instagram, condivido su facebook, e se dovessero seguirli, sarà un compleanno molto molto fortunato.
Ah, sarà lunedì.
Lunedì 16.

6. Mi faccio tante domande.
Mi sto chiedendo se sto crescendo davvero.
Dove sto andando.
Con chi sto facendo il viaggio.
E mi sento paranoica, menata e pesante.
Evito di far si che la testa si riempia di queste cose, e mi scordo di chi vorrei essere, concentrandomi su quello che mi piace dare a vedere.
E' giusto?
Sbagliato?
Cos'è?

7. Ho voglia di andare.
Prendere la valigia e viaggiare.
Londra, di nuovo, con Jn, per Portobello road, per il museo di Madame Trusseau, per Covent garden...
Parigi, specificatamente, per il Louvre, camminando per sulla Senna, salendo sulla tour Eiffel...
New York, da grande, Tiffany per i selfie, la casa di Carrie per la scalinata, Broadway per uno spettacolo come "Mamma mia" o "The Lion King"...
Berlino, perché non so come sia fatta, e mi attrae, mi chiama...
San Pietroburgo, per lo sfarzo antico che non so nemmeno cosa sia davvero...

8. La 500 beige con la capotte che si abbassa, ed io al volante.
Un sogno di lusso.
Perché ho voglia di lusso.
Ok, lo riconosco, non sta bene dirlo... 
Ma ho voglia di lusso.

9. Davvero penso di essere speciale?
Si.
Onestamente si.
Mi vedo bella.
Mi sento bene.
Mi faccio sorridere.
Non mi fermo davanti a nulla.
Ho tanta fame di vita, avventura, cose nuove.
E se c'è un errore, tenete lontano da me la matita rossa.

10. Io scrivo.
Non tanto quanto dovrei.
Non indirizzato come sarebbe il caso.
Ma scrivo.
E ancora non so perché, dove andrà questa cosa e se ci andrà.
Ma si, io scrivo.
Mannaggia a me, mannaggia.


Io, sono solo io, ancora con soli trent'anni, ma con la testa piena di me.
Che poi, la convinzione di essere sempre più io la protagonista della mia vita, è radicata concretamente dentro me... e così deve essere, e così è, e così voglio che sia!

mercoledì 11 maggio 2016

liebster award, ovvero l'ennesima occasione di raccontare di me

Mi piace sempre un sacco quando gli altri blogger hanno voglia di premiarmi...

Non so esattamente cosa voglia dire, Liebester, ma ho scoperto che quando i blogger li consegnano ad altri blogger è per premiare il loro talento, o perché provano per loro dell'affetto...

...e qui credo vinca la seconda!

E con queste brevi righe, ringrazio la blogger che mi ha regalato questa nomination, Giulia Lu, di "Liberamente Giulia", una dirimpettaia dotata di incredibile buon gusto, diciamocelo...

A questo punto si deve rispondere alle domande poste dal nominante,

1. Quale genere preferisci leggere in assoluto? 
SAGHE FAMIGLIARI
2. Come hai scelto il nome del tuo blog?
FACEVA RIMA, E MI E' PIACIUTO...
3. Quanto tempo dedichi al tuo blog?
MOLTO, ALMENO UN'ORETTA OGNI GIORNO, WEEKEND INCLUSI
4. Quando preferisci scrivere o sei più ispirato/a?
LA MATTINA MOLTO PRESTO, O QUANDO SONO SUL TAPIS ROULANT
5. Cosa apprezzi di più del tuo carattere?
IL FATTO DI AVERNE, NEL MODO PIU' CANONICO DEL TERMINE
6. Cosa ami di più mangiare a cui non sai resistere?
POP CORN E ZUCCA
7. A parte la città in cui vivi, dove ti piacerebbe vivere se dovessi cambiare?
VERONA
8. Segui più l'istinto o la ragione?
ULTIMAMENTE L'ISTINTO
9. Hai un sogno nel cassetto?
OVVIAMENTE
10. Cosa stai scrivendo in questo periodo? Che genere?
RACCONTI
11. Infine puoi dirmi il titolo del libro che ti è rimasto nel cuore?
ORGOGLIO E PREGIUDIZIO

A questo punto, bisognerebbe parlare a briglia sciolte di fatti privati, ma io amo far sempre un po' di testa mia, e così ho deciso che risponderò anche alle domande che hanno posto gli altri blogger, che a loro volta hanno nominato la mia cara Giulia Lu...


1) Definisciti in una parola:
VIZIATA
2) Il libro che ti ha cambiato la visione del mondo:
IL PICCOLO PRINCIPE
3) Quando hai capito di essere cresciuto/a?
QUANDO LA SUPERMAMMA E' STATA MALE
4) Cosa ami di te stesso/a?
IL CARATTERACCIO
5) La parola o la frase che non vorresti mai aver pronunciato:
VOGLIO FARE IL TUO STESSO LAVORO
6) La storia che vorresti raccontare ma che ancora è uno spiritello vagante:
UNA MOLTO PERSONALE... 
7) Perché scrivi?
PER GUARIRE DALLA FAME DI TUTTO
8) Sei credente?
PROFONDAMENTE
9) La parolaccia che ti piace di più pronunciare?
VACCA GALLINA
10) Tre ingredienti del romanzo perfetto, solo tre.
INIZIO SPUMEGGIANTE
PROTAGONISTA ESTREMO
RITMO INCALZANTE
11) Quanto ti sei rotto/a le palle nel rispondere a queste domande assurde?
PER NIENTE PROPRIO

...ed ecco le altre, dell'altro signor blogger, dato che la Giulia è stata doppiamente nominata...

1.Cosa c'è alla fine dell'arcobaleno? 
IL SOLE, COSA NON VERA BIOLOGICAMENTE PARLANDO, MA MI PIACE QUEST'IDEA...
2.Esistono gli alieni? 
ESISTIAMO NOI, PERCHE' NON DOVREBBERO ESISTERE LORO?
3.Qual è la città più bella in Italia? 
MI PIACE UN SACCO BRESCIA, MA PENSO VERONA SIA SPECIALE... E CHE PURE MILANO ABBIA IL SUO PERCHE', E CHE GENOVA SIA STATA UNA SORPRESA INATTESA...
4.Ti piace il tuo nome di battesimo? 
TANTO, TROVO ALICE SIA BELLISSIMO...
5.Uno scrittore che detesti? 
DETESTARE? NON SAPREI... HO SENTITO PARLARE ERRI DE LUCA E MI HA ANNOIATA TANTO PERO'...
6.Se si andasse sotto il parlamento coi forconi e si montasse la ghigliottina per decapitare tutti i politici, parteciperesti? AH PARTECIPEREI SI... ED UTILIZZEREI PERSONALMENTE LA GHIGLIOTTINA!
7.La inventeranno un giorno 'la macchina del tempo'? 
FORSE... MA NON SO SE VORREI POI COSI' STRENUAMENTE ASSISTERE ALLA COSA...
8.Prosciutto crudo, cotto o mortadella? 
PROSCIUTTO CRUDO, ANCHE SE PREFERISCO LA BRESAOLA
9.La cosa più folle che hai mai fatto? 
CONSIGLIARE A QUALCUNO DI CHIUDERE LA PROPRIA AZIENDA
10.La cosa più assurda alla quale hai mai creduto? 
LA FEDELTA' ETERNA
11. Meglio vincere un milione di euro o una rendita vitalizia da duemila euro al mese?
DUEMILA EURO AL MESE... SONO UNA SPENDACCIONA, E UN MILIONE DI EURO POTREBBE DURARE MENO DI QUANTO NON VORREI... 

E, continuiamo , con le 11 cose che riguardano me stessa, e che mi va di condividere con voi, bei blogger che non siete altro...
1. LA MIA MAMMA FA L'ESTETISTA MA IO USO IL SILK-EPIL PER FARMI LA CERETTA
2. MI PIACE MOLTISSIMO COMPRARE CARTOLERIA, E IN SPECIAL MODO PENNE ED ADESIVI
3. SE MI APPASSIONO AD UNA SERIE TV, NE GUARDO UN EPISODIO DOPO L'ALTRO IN MODO COMPULSIVO E CONVULSO
4. NON RIESCO A STARE FERMA MAI, SE OTTENGO UNA COSA ALLE 4,00 ALLE 18,00 GIA' STO LAVORANDO SU QUALCOSA D'ALTRO
5. IL MIO POLLICE VERDE E' SCABROSO... 
6. DA QUALCHE ANNO HO PERSO L'OLFATTO
7. QUANDO DECIDO DI AVERE QUALCOSA, IN BREVE LA OTTENGO...
8. SONO UNA MALATA DI SOCIAL
9. GUIDARE NON MI FA IMPAZZIRE
10. MI FACCIO UN SACCO DI FILM SU UN RAGAZZO, QUANDO INIZIA A PIACERMI... E DI SOLITO SI TRATTA DI UN PERSONAGGIO NOTO
11. VORREI LAUREARMI, AMO LEGGERE, NON MI STANCO DI APPROFONDIRE LE COSE, MA SO GIA' CHE NON MI LAURERO' MAI E POI MAI

Terminiamo il giocondo giocarello, con le domande che sono io a porre ai blogger che verranno ora nominati... 
1. C'E' UNA PERSONA ALLA QUALE VI ISPIRATE? SE SI CHI?
UN MISTO TRA AUDREY HEPBURN, VICTORIA BECKAM E CARRIE BRADSHOW
2. CHI E' LA PERSONA, O IL PERSONAGGIO NOTO, CON IL QUALE ANDRESTE, NONOSTANTE SIATE FIDANZATI O SPOSATI?
LUCA ARGENTERO, CHRIS e LIAM HAMSWOTH
3. FATE IL LAVORO CHE SOGNAVATE DA BAMBINI? SE NO QUALE SAREBBE STATO?
NON ANCORA... MA MAI DIRE MAI... COMUNQUE E' LA SCRITTRICE
4. SE FOSTE UN PERSONAGGIO DISNEY, CHI SARESTE?
CRUDELIA DE MON
5. QUALE SAREBBE L'ULTIMA COSA CHE VORRESTE MANGIARE, PRIMA DEL GRANDE OBLIO?
GELATO... PISTACCHIO NOCCIOLA E PANNA MONTATA
6. COME FATE A RILASSARVI?
SHOPPING ED ALLENAMENTO IN PALESTRA
7. QUAL'E' L'ULTIMA SFIDA CHE AVETE AFFRONTATO?
LA CORSA
8. AVETE UNA PAROLA CHE VI APPARTIENE PARTICOLARMENTE?
PROGREDIRE
9. INVIDIA, SCARAMANZIA, PAURA... QUALE DI QUESTE COSE SENTITE COME VOSTRE?
INVIDIA, OGGETTIVAMENTE INVIDIA
10. A CHI DONERETE L'8X1000?
ALLA RICERCA PER LA FIBROSI CISTICA
11. QUAL'E' LA MISE CON LA QUALE VI SENTITE PIU' A VOSTRO AGIO?
JEANS STRETTO STRETTO, RISVOLTINO, SCARPA DA GINNASTICA, MAGLIETTA 

Quali amici potrei taggare?
5 a caso, nel senso che ne scelgo 5 che mi sono particolarmente simpatici attualmente, e spero non siano già stati coinvolti nella cosa, ed abbiano così già risposto alle domande...

GIULIETTA94 
MR INK
LISA COSTA
SIMPLY V
NON SI DICE PIACERE
LOLA


lunedì 9 maggio 2016

di corsa con la musica alle orecchie...

Questo weekend, blocco e biro colorate, mi sono messa a progettare cose futili, come se fossero serissime.

Il bello di me in primavera, come a settembre, e similmente a gennaio e ad agosto, è che trovo il giusto perché alla mia voglia di rivoluzionare, programmare e cambiare...

Tipo, avete presente quando siete in auto? La testa svagata e l'orecchio distratto all'autoradio che va? 

Ecco, capita che sentiate una canzone che sembra descrivere voi, o quello che state vivendo in quel momento.

Capito come, vero?

Non si tratta di una canzone che piace, ma che parla di voi.

Ieri correvo, gambette veloci in scarpe sbagliate, ed è arrivata Cindy Lauper, "Girls just wanna have a fun", e ci ho sentito dentro me.
Adesso.
Solo da incontrare, ma sempre stata.
Con quel misto di confusionaria allegrezza che si fonde agli errori buoni, al futuro che non c'entra niente ma ti si scioglie addosso. 

E cosi, spremendo le meningi e facendo passare le decine di playlist create su iTunes negli anni, ho dato i natali ad una sottospecie di compilation di me. 

4/5 canzoni che sanno di me!
...che nonostante ci sia rimata su un bel po', non è mica facile rivedermici dentro: pezzi che non suonano mai uguali abbastanza a chi sono; mentre, appena un anno fa, sarebbero stati i me stessa più eclatanti! 

Seduta nel buio del cinema, mentre Ironman sfida Capitan American nel bellicismo della Civil War, chiedo a Jn se sarebbe in grado di fare una sua compilation personale.

Snocciola senza fatica, 4 pezzi.
Li ascolto nel l'insonnia della domenica mattina sul tapis roulant, e con lei non c'entrano nulla. 

Per me però; perché è evidente che lei ci si veda dentro.

E così penso a me.

Ascolto Luciano, che parla al mio intimo da tutta la vita, e prendo appunti sulla luna che si vede persino da qui, e sul fatto che nonostante la brigata di sei sempre stata... 

Mi cerco nel verbo altrui, come fosse più facile, o forse solo più comodo, affidarsi a chi non sono io, per giustificare tutti i pezzi di me da incastrare. 

...e mi rendo conto che solo Vasco, parlando di una che ama farsi guardare, mi legge dentro la testa... 


Stay tuned che, comunque, la Patalice's compilation la completo! 

[apertissima a suggerimenti...]

invest in yourself... che è più meglio

Fate un favore a voi stessi. Imparate a stare da soli. La qualità del vostro tempo, della vostra solitudine, del vostro peso sociale, ...