Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2016

le cose che abbiamo in comune sono zero

Immagine
Voglio essere una di quelle ragazze da rossetti rosa e tatuaggio fine fine sul polso, accanto al braccialetto Tiffany...

Voglio i capelli lunghi, con i boccoli in fondo che sembrano casuali e forse lo sono, e li voglio castani quasi biondi, miele, impalpabili, perfetti, lucenti
Voglio fare i selfie abbracciata al mio fida, tutti e due sorridentissimi dietro gli occhiali da sole a specchio ed il ciondolo ultimo modello al collo; voglio essere un'influencer, fashionista, fashion blogger, fashion addicted, fashion tutto.

Voglio mangiare gli hamburger giganti, bevendo frappè abbelliti da ciliegine candite, e non imbrattarmi a bestia con la senape, e non fare le facce da esorcismo mentre addento la carne, e indossando un abitino bianco aderente senza che la pancia si gonfi a dismisura...

Voglio avere un'abbronzatura perfetta, senza il segno del calzino o della canotta, senza lentiggini, senza arrossamenti, un bel colore dorato uniforme che dona salute e fascino.

Voglio essere una …

il bandolo di una matassa dispersa

Immagine
Una volta mi sono lamentata del fatto che non accadesse mai ciò che volevo succedesse nella mia vita.

"Oh me, misera e tapina, mai che le cose vadano come voglio io!"
...a quel punto, una persona che mi sta parecchio sul culo, e alla quale voglio parecchio bene, mi disse: "Ci sono due cose: la prima è che non puoi pensare che la vita vada secondo i tuoi piani; la seconda è che forse le cose vanno esattamente come vuoi, ma tu cosa vuoi non lo sai!"
Ecco, con sta persona ci ho litigato, ho sbattuto la porta, ed ho deciso che per un [bel] po' non l'avrei più voluta vedere.
...però mi è venuto in mente un concetto che mi ha inculcato la mia amica Roby, l'esistenza delle vere verità, quelle cose non simpaticissime da dire, che probabilmente danno sui nervi, ma perché sono un dato di fatto. 
Ecco, credo che quelle due robe lì, dettemi mentre non le volevo minimamente sentire, e che mi hanno tanto fatta inviperire, siano vere verità... 
Io sono stata viziata d…

credo di non credere

Immagine
Non credo nelle relazioni a distanza.
che se due si amano, e stanno insieme, è perché riescono ad andare oltre alla coltre delle difficoltà della quotidinaità, del tran tran, della noia...

Non credo che ci sia un solo grande amore per ognuno di noi.
a meno che non si sia un albero, di quelli con le radici, che cresce ma non cambia.
perché è impossibile che una sola persona sia quella adatta a noi, impossibile.

Non credo che una bionda sia stupida per forza.
di contro è vero che le rosse sono più porche. inevitavile, è un fatto.
e le more sono più posate, meno pronte al divertimento.
divertimento del quale si nutrono, a piene mani e a bocca spalancata le bionde.
che quindi non sono affatto stupide, hanno capito tutto.

Non credo a chi dice che la felicità la si trova nelle piccole cose.
io ho un sacco di cose, piccole si ma anche grandi.
e non sono veramente felice.
quindi è una cazzata.

Non credo al per sempre.
oggi non lo prometterei nemmeno a mio marito, nel senso che ogni giorni vo…

cara amica ti scrivo

Immagine
Io pensavo fosse oggi l'anniversario della tua morte.

Poi, facebook, nei suoi "accadde oggi", mi ha ricordato che era lunedì, il 18, il giorno in cui tu te ne andavi.
Ricordo il messaggio della mia dottoressa, voleva lo sapessi da lei piuttosto che scoprirlo chissà dove. Ero a Ortisei, stavo mangiando con la mia famiglia, e sono andata a piangere e vomitare nel parcheggio del ristorante, maledicendo tutto e tutti.
Tu, che stavi così male, non lo sapevi. Non so se negassi a te stessa una verità incontrovertibile, o se la mancata presa di coscienza ti proteggesse dall'inevitabile, fatto sta che tu non lo sapevi, ed ascoltando te, non me ne ero resa conto io neppure.
Ho i tuoi messaggi di pochi giorni prima, messaggi pieni di te: colore, calore, parole inventate, foto zeppe di cose buone da mangiare e di gif ridicole.
Eri così, una bambina più che trentenne, alle prese con un male che logora dentro, ma che non intaccava la tua speranza e la tua fede.
Si, la fede, perch…

Gnam gnam

Immagine
Bevo acqua limone e zenzero.
Mangio bacche di goji. e curcuma. Faccio un sacco di sport. Ma proprio tanto tanto.
Poi arriva il weekend, ed il mio status di vita equilibrata, va beatamente a farsi benedire!
Non è colpa mia.
Mi piace mangiare.
Amo essere in forma, il mio corpo è un tempio, e cerco di cacciarci roba sana e salubre.
Alle volte anche dai sapori discutibili.
Ma non sempre-sempre, mi è possibile.
Tipo, perché non salta fuori che le patatine fritte fanno bene?! Sono cosi dannatamente buone!
E perché non scoprono che il gelato allunga la vita, e che l'Estathe mette fine alle guerre nel mondo?
Sono così dannatamente irresistibili.  
Vorrei abrogarmi il diritto di scegliere cosa faccia male. Decidere che cosa eliminare e perché.
Non farlo in base a diabete o pancreatite o ristagno adiposo.

Ieri mi sono chiesta: se fosse la tua ultima cena cosa mangeresti?
Mi sono prontamente risposta:
sushi
pizza
cotoletta
patatine fritte
purè
gelato
strudel di mele caldo
cioccolata calda …

#prayfornice : perché la paura non vinca, dobbiamo lottarci la felicità

Immagine
io ballo vorticosamente
e canto ad alta voce

c'è chi mi vorrebbe in silenzio,
con colori sommessi addosso,
ed un'aria contrita di quella che ha scelto lugubre

ci sono il sapore della nutella al mattino,
i sorsi lenti e quieti del latte macchiato, 
ed il rumore musicale delle pagine che si susseguono

c'è lo sgomento per un mondo che va contro se stesso,
la vita che muore in un luogo dove, 
quando il sole nasce, c'è poesia

ma sussiste la volontà di non cadere nella trappola della paura,
che più senti male,
più devi resistere

perché cedere alle lusinghe del dolore,
alla facile condiscendenza del male,
alla stonata ritmica di un cuore rotto dall'odio,
sarebbe cosa ben più semplice...

ma non dobbiamo arretrare, 
dobbiamo continuare il ballo vorticoso,
il canto a squarciagola...

perché è solo con la vita che si combatte la morte
ed io oggi, di fronte agli ennesimi morti,
mai banali ma sempre più inspiegabili,
non piego la testa, 
la butto indietro, 
caccio le lacrime e rido

per Nizza
per non diment…

to do list in corso

Immagine
Ho ripreso la gran buona vecchia abitudine di fare liste di PRO e CONTRO

L'ho più o meno sempre fatto, perché è un mettere un ordine mentale al caos che mi contraddistingue; perché il nero su bianco mi da sicurezze, ed abbatte le indecisioni atartiche; perché mi pare che così scegliere sia più semplice.

In un mondo che fa del "non scegliere", la scelta perfetta, mi sorprendo ad incaponirmi sul non voler essere come gli altri, andando controcorrente come una che, sebbene ribadisca di non sapere ne quello che vuole ne quello che non vuole, non accetta questa immobilità.

Il destino decide per noi.
E' già tutto scritto.
Se è deciso sarà.
Noi non possiamo nulla.

Quattro frasi che, se me le aveste attribuite due mesi fa, vi avrei riso in faccia...
Mentre oggi mi sembra quanto mai verosimile che escano dalla mia bocca.

Mi pare di non potere niente.
Io che ho sempre avuto la presunzione di avere il mondo in una mano.

Forse il problema vero vero, è proprio questo: viziata dal fa…

di cosa è fatto il mio ora e adesso

Immagine
"Adesso" di Chiara Gamberale

un cono pistacchio e nocciola

un impalpabile vestitino bianco che non tira e non segna

"Ragazza Magica" di Jovanotti

la pelle abbronzata e chiazzata, macchiata e lentigginosa

All star verde bottiglia

un domani completamente da costruire

un presente dannatamente pesante

la Moleskine del "Piccolo Principe" aperta e scarabocchiata

amiche nuove alle quali vuoi bene come se fossero da sempre

persone vecchie che si affacciano, ma tu ormai la tenda l'hai tirata

rimpianti per uno spreco, di tempo e soldi

attesa per un messaggio che non arriva

ricordi facebook che non te la fanno dimenticare

aspettative 

illusioni

divertimenti vari e variegati

dissolvenza


...dopo il buio la luce, sempre!

Immagine
...c'è qualcuno che mi ha letta "strana", qualcuno che mi ha mandato sms mail e whatsuppate per capire come sto...

le persone che mi vivono nel quotidiano, e che leggono il blog, mi hanno proprio chiesto cosa c'è...

non ho risposto a (quasi) nessuno

non perché io sia cafona, o meglio si magari lo sono, ma questa volta la mia cafonaggine centra poco

sono scollegata

vorrei trovare una parola differente per definirmi in questo momento, ma fatico a trovarne una di senso compiuto

la realtà è che quella maschera spessa, fatta di tutte quelle cose belle che mi appartengono, [la positività, la forza incrollabile, la strafottenza, la faccia tosta, la leggerezza e la scrollata di spalle] si è rotta; ha una grossa crepa nel mezzo ed è come quando accade al vetro dell'iphone: attraverso non ci vedi bene

non voglio essere pedante o pesante, voglio tornare ad essere la sbirulina inconscia e inconsapevole, che festeggia un cono gelato e l'ennesimo libro finito, che scrive …

velocissimi "vorrei" a fronte di pesantissimi "se"...

Immagine
....è che ho la testa calibrata sul "se" e questo mi confonde il tempo, e me lo fa scorrere velocissimo, 
tanto da avere problemi importanti con me stessa...

Ho sviluppato una strana tristezza nei confronti dei miei affari, 
che non è una cosa tanto carina, 
è più una di quelle cose che andrebbero evitate con cura, 
ma va così e mi ci sto arrendendo con lentezza, e così non va.
Pensavo ad uno di quei "se" che sono tipo "se tornasse indietro a praticamente 10 anni fa, ed incominciassi oggi a lavorare, farei le stesse cose? potrei fare cose migliori? tipo dimostrarmi più brava?"  oppure "se avessi detto di no, oggi come sarei? con chi sarei? cosa farei?".

Domande di un livello impressionante di paranoia che non solo non rendono allegria, ma manco giustizia...  


Che una, decisamente, dovrebbe vivere con leggerezza tutte le cose della vita,ed invece mi trovo una pesantezza dentro che capirei solo se avessi mangiato una mandria di elefanti intera.

Quando ho q…

Amati come se non ci fosse un domani

Immagine
L'invettiva contro le donne era un pro che non si può ignorare...

Sono anni ed anni che sono femminista ai massimi livelli consentiti, giusto quel pizzico in meno, che mi consente di mantenere fede alla cavalleria... 
Ovvero, sarò anche femminista, ma se un uomo vuole aprirmi la portiera, o offrirmi una cena, mica dico di no in nome dell'uguaglianza!
...è solo che il romanticismo è un dato di fatto opinabile a tratti, e mai uguale per tutti... 
In questo periodo ho parlato di uomini, relazioni e rispetto, come se non ci fosse un domani, rendendomi conto che la visione che ognuno ne dà, è talmente opinabile che la generalizzazione è capostipite dell'utopia più pura.
Gli uomini e le donne NON sono uguali, e non si tratta di uguaglianza universale riconosciuta o riconoscibile, ma di alterazione visiva e sensitiva.
Maschi che ragionano con il pisello, convinti di toccare le donne con la bacchetta magica, o di avere arti amatorie ai livelli di Casanova, ce ne sono veramente mo…

the floating piers: elogio all'amicizia per i miei amici

Immagine
Mercoledì mi sveglio a 10 alle 4.

Okey, l'insonnia è bastarda, ma questa volta non ciccia niente...

Mercoledì mi sveglio a 10 alle 4, perché alle 4,30 sarebbero venuti Olly e Menny a prendermi, per andare a Sulzano, sul lago di Iseo.

Non siamo impazziti dalla voglia di una tintarella delle primissime ore del mattino, ma adepti della super moda del momento: camminare sulle acqua, grazie al The Floating Piers, l'ambiziosa passerella opera d'arte, costruito dall'artista statunitense Christo. 

Totalmente gratuita, e temporanea (verrà smantellata questa domenica), la passerella è un regalo che l'autore ha dedicato al lago di Iseo, che verrà conosciuto da tutto il mondo, per la sua superba bellezza. 

Gratuito e pieno di traversie, l'ingresso è stato materia di teoremi e diatribe, che manco una guerra fredda! 

Pare infatti che non si pensasse a quanto infinite potessero essere le code, e a quando cretina potesse essere la gente che ci sarebbe salita... ad ore impossibili, s…