Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2016

Tra palco e realtà

Immagine
"...il destino ha, la sua puntualità..."
Lettera a G, Luciano Ligabue.
Sabato sera, io, Jn e Menny, siamo a Monza, al "Liga Rock Park", l'occasione per vedere Luciano da vivo non la si perde.
È il regalo di compleanno che mi ha fatto Menny, e goderne a 5 mesi di distanza fa piacere...
È un gran bel concerto, quello che inizia con "Urlando contro il cielo", "Libera nos a malo" e "I duri hanno due cuori"... sono canzoni datate, come "Lambrusco e pop corn", e mentre le canto a squarciagola, mi sento speciale, a mio modo... perché tutte le altre persone aspettano quelle più conosciute, o le ultime propinate dalle radio, ed io invece godo della ricercatezza di pezzi non scontato.
Non ce la farei ad abitare una casa senza tv o pc, ma potrei vivere senza musica. Non sono quella che si rifugia nelle canzoni per sfuggire alla realtà, forse perché la musica riempie, ed io sento la necessità del vuoto.
Tuttavia, so bene che la musica m…

pensieri sfasati su di me

Immagine
SuperMamma sono una delusione per te.

Mi vedi con i capelli lunghi lisci e rassicuranti, castani, ad un passo dalla banalità, ed io li ho sforbiciati tanto da far scoppiare una zazzera corta, lucente di rosso, perennemente spettinata e sparata.
Mi vorresti immacolata nella pelle, che io invece l'ho chiazzata di emozioni e tatuaggi, e mi arrovello in continuazione sui prossimi da fare, dandoti sui nervi, perché ti interpello, mentre tu dai segni di fastidio, e nel tatuaggio vedi scarabocchio, non arte...
Mi auspicavi laureata, in perenne lotta per assecondare l'ambizione che ho sempre mostrato di avere; invece cerco un lavoro più rassicurante, e meno impegnativo, per poter aver tempo per i miei sogni, e apro tutti i libri, tranne quelli che servono per appendere quel benedetto pezzo di carta al muro!
Sono un tormento, e sono tormentata. Vivo di emozioni fortissime, che tengo a bada con le bombe a mano di un'emotività in avan scoperta; e non è facile relazionarsi con il mio sm…

Parola d'ordine: P A S S I O N E

Immagine
Avrete letto del post sui film visti (pochi), e quello sui libri letti (di più)...

Se non l'avete fatto, e sentite forte l'esigenza di leggerli, cliccate qui o qui...
Ciò posto, manca giusto una fascia di pertinenza intrattenitiva, per lasciarmi definitivamente alle spalle le sere d'estate dimenticate, col dondolo che dondola...
Le serie tv.
Facendo una doverosa premessa, mi sento in dovere di dirvi che chi non apprezza particolarmente il tubo catodico, difficilmente potrà restare ammaliato da un telefilm, sebbene ormai li si possa seguire ovunque, tra tablet e pc... 
Ciò posto, io sono teledipendente, fin dai primi vagiti, ergo appassionarmi mi viene facile!
...ma quest'estate è stata un tripudio.
La mission, dichiaratissima, era "Il trono di spade", del quale avevo visto bene solo la prima serie, e che ho recuperato, fino ad arrivare alla sesta, che è in corso di visione! 
Penso sarebbe doveroso un post apposito, anzi, ne sono convintissima, ergo vi dirò sol…

autunno col bene che ti voglio...

Immagine
Bentornato autunno.

Grazie per aver messo fine all'estate, non che non mi piaccia o non mi diverta, ma ne avevo un po' piene le rotule, lo riconosco...
Sei la mia stagione prediletta in assoluto, ottobre, novembre e dicembre, non li baratterei con nessun luglio del mondo!  perché i colori sono a dir poco fenomenali, e non puoi camminare senza scorgere quanto sia veramente impareggiabile l'impronta della natura, sul paesaggio... perché rimetti il trench, quel cappotto perfettamente inutile e precario come nessun altro al mondo, ma che ti trasporta in uno qualsiasi dei film che amiamo tantissimo, padrona di una via che non appartiene alla tua provincia, ma che sa di Parigi e Londra, di Audrey Hepburn e Natalie Portman...


perché una fetta di torta di mele calda, fa la differenza, e trasforma una giornata mediocre, in una dolcissima pausa da tutto e tutti...

perché ricompaiono i calzettoni, imbarazzanti ed anti-stupro, che arrivi a casa e non vedi l'ora di metterli, che ti …

Fuori dalla zona di comfort

Immagine
...ci sono serate che non vorresti, che piuttosto che uscire, ti faresti picchiare brutto...

...ed altre che pianifiche, e attendi, ed agogni e non sembrano arrivare mai...
Poi le prime risultano successi senza pari, e le seconde ti deludono, lasciandosi dietro tutto l'amaro che c'è... 
È quella schermaglia chiamata vita a fare la differenza, e a far propendere l'una cosa e quell'altra, che tu ti stai ancora riprendendo, che il dado è tratto ed il treno ha lasciato la stazione...
Fritto misto o insalatona. Non sono buoni uguali, ma uno fa male anche se fatto bene, e l'altro no, anche se fatta alla cazzo.
Farsi un tatuaggio vuol dire che ricorderai in eterno una cosa, ma devi essere disposto a non aver paura del "per sempre" e delle sue conseguenze sulla mente, se ti lasci incidere il corpo, se no trasformi la libertà del colore nella costrizione dell'obbligo e da lì non scappi più. 
Scegliere di inseguire i tuoi sogni significa indossare scarpe comod…

vita tutta da fare

Immagine
...c'era una volta una Patalice che avrebbe voluto avere giornate da 36 ore, consapevole che, nonostante ci fosse tempo extra, lei l'avrebbe comunque perso in cose non prettamente utili.

La realtà è che sono una procrastinatrice, una che allunga e dilunga e non conclude, ormai la si sa.

...ciò posto, il lunedì mattina, per la sottoscritta, non è mai stato particolarmente difficile da sostenere, ma oggi ho qualche difficoltà logistica nell'averci a che fare...

Sapete quelle mattine in cui, l'unico impegno vero che vorreste prendervi, è spulciare pinterest in cerca del prossimo taglio di capelli per l'autunno, o dell'ennesimo tatuaggio che farà incazzare a morte vostra madre?

Ecco, io oggi sono di quel partito lì...
...e invece mi tocca di lavorare, e c'è pure una discreta abbondanza di cose da fare...
Meno male che la SuperMamma mi ha allungato un porzione extra di torta paradiso, che fa fagotto con quella (buonissima) ricotta e cioccolato, che mi ha dato d…

cinema cinema cinema

Immagine
Parte un sabato freschino ma soleggiato, uno di quei sabato che strizzano l'occhietto all'autunno, ma che ancora non sei pronta a metterti le scarpe chiuse, e le maniche lunghe...  Ecco, in un sabato così mi viene di fare un post sui film visti tra luglio e agosto, che ancora non avevo recensito perché sono estremamente pigra, perché avevo avuto troppo da fare nel lamentarmi delle aspettative e delle cose da fare di settembre... Però ora è il momento e quindi... ecco la mia filmografia made in summer!
"Alice attraverso lo specchio" domenica pomeriggio, ultima del mese, io e Jn andiamo al cinema perché c'è l'ultimo film della rassegna di recupero della stagione alla multisala, e questo film lo volevamo vedere. Mi è piaciuto parecchio, nonostante non abbia avuto grosso successo di pubblico... La storia non la conoscevo, se possibile, la mia amatissimissima Regina di cuori, l'ho amata ancora di più!
"L'abbiamo fatta grossa" il film l'avrebbe…

io, ragazza dell'85

Immagine
Ci sono cose che "non ho PIÙ l'età" e mi fa male, male da morire senza lei.

Lei l'età.  Quella giusta. Quella che ti permetta di vestirti o andare in giro come una teenager, quando evidentemente non lo sei.
È deprimente a tratti. Io lo so, tu lo sai, noi lo sa.
Noi inteso come donne, perché agli uomini, vai tu a sapere come/cosa/perché, parte la brocca del delirio di onnipotenza, e regrediscono con un effetto tra il pessimo, il patetico e l'imbarazzante, che fa proseliti.
...oddio, anche a certe donne scoppia una discreta quantità di merda nel cervello, però è più raro...  
Comunque, tornando a bomba, io non ho più l'età, e vorrei sapere chi me l'ha portata via!
Che io me la vivevo benone senza conoscerla, questa età, figuratevi se la volevo impersonare... ma tant'è... m'ha detto male, ed io subisco piegando il capo.
Mi sta sulle rotule che certe cose mi siano precluse in modo arbitrario, o meglio, mi siano precluse SE NON VOGLIO FARE LA PARTE DELLA TARDON…

Settembre time

Immagine
Settembre non è un punto di vista, ma una solida realtà.

Oggi inizia la scuola, e ripartono i corsi in palestra, quindi il traffico e la routine sono definitivamente quelli di sempre.

Ci sono amici che iniziano un nuovo lavoro, ed altri, per i quali la routine è già consolidata da giorni e giorni.

...e poi ci sono io, che mi barcameno su questa navicella spaziale che va sull'acqua, ma che quando sembra affondare, mi tiene a galla ed asciutta... 
Sto cercando il modo migliore di approcciarmi, continuo a dirlo, a scriverlo, a pensarlo, e prima o poi mi convincerò di quanto veritiero sia tutto questo.
Ma oggi ancora no. Non è oggi quel giorno, nonostante per tanto lo sia, per me no.
Quindi, non potendo contare sulle certezze inalienabili dell'esistenza, mi concentro sulle piccole cose, quelle che voglio, quelle che pare facciano la vera felicità, e me la sbroglio così... senza troppi cavilli mentali, e con tanta superficialità da bambolina svagata...
AD MAIORA
Voglio: * i Doc …

Questa è la mia casa

Immagine
Mi manca un po' il cinema da sola, una volta ci andavo spesso, quasi tutti i weekend
Ora non ci vado più
Un po' perché ho trovato in Jn la compare perfetta per difendermi dalla solitudine, un po' perché da quando ho una casa mia, se proprio proprio ho voglia di un film, trovo quasi sempre qualcosa su sky, e divento pigra.

Dirò una cosa che potrebbe non farmi onore, ma tant'è...
Vivere da soli è forse la cosa migliore del mio matrimonio.

Si, c'è anche il bene, quello che si evolve e a volte ha picchi.
Ma se parliamo della cosa migliore, quella che non ha cambi di rotta, mai, perché mai scorda di buttare la spazzatura, allora parliamo del fatto di avere una casa mia...

Differentemente da quella che abitavo da signorina, non si pulisce da sola, e se le cose non le faccio io, stanno lì ad aspettarmi quando torno da pilates, o dall'aperitivo; il frigorifero ha bisogno di puntate multiple al supermercato, e ciuccia soldi più del solo guardaroba... però l'amo.

Am…

Letture da luglio ad oggi

Immagine
Ho scoperto da Alessandro Cattelan che ieri è stato il #readbookday , ovvero un giocondo totale di 24 ore durante le quali si festeggia il fatto che leggere non è poi così da sfigati, come qualcuno vorrebbe farci credere!

Giusto perché voi lo sappiate, per me non esiste estate senza un libro tra le mani... no va beh, anche autunno/inverno/primavera mi vedono particolarmente lettrice...
Comunque, dicevo, in estate, divento particolarmente fissata, ed ho letto come se non ci fosse un domani...

Allora, ho dato spazio a Chagas Freitas, e al suo top book "Prometto di sbagliare".
Non è che sia male in se e per se.  È romantico, di grandioso slancio emotivo, ma non è un romanzo! Non c'è trama, c'è solo una serie di frasi indistinte che vorresti poi copiare sulla Smemo...
Per il compleanno, ho ricevuto l'ultimo della Gamberale, "Adesso", e mi è piaciuto moltissimo.
Partivo particolarmente ben predisposta, perché Lei, a dirla tutta, mi piace quasi sempre, ma qu…

Settembre is new gennaio

Immagine
E, da qualche giorno, è iniziato settembre...

La routine è doverosa ormai, anche se la mia è da inventare, in questi giorni, per la stagione che sarà.
Per me, il vero inizio dell'anno è sempre stato settembre, bene o male.
Prima c'era la cadenza di asilo, scuola, liceo, poi è arrivato il lavoro, velocissimo ed implacabile, ed io mi ci sono un po' persa nel mezzo... 
Quindi settembre is new gennaio, come recita il titolo.
Ma mancano ancora un manipolo di giorni, prima che si debba definitivamente voltare pagina, accertandosi di essere, per l'ennesima volta sulla strada giusta, col cuore pesante e leggero al contempo, ricco delle frustrazioni e dei sogni, che ogni nuovo inizio si porta appresso. 
Mi verrà, a breve, un post, nel quale parlerò dei progetti per il nuovo anno, spergiuro che non lo farò, ma ci casco sempre e comunque, quindi mi sono arresa all'idea che così debba essere... sapete quanto faticoso sia farmi la guerra, dopotutto?!
Da agosto mi porto appress…

Sono (parecchio) incazzata day

Immagine
Sono incazzata.

Perché mi ero ripromessa non avrei più parlato di attualità, che non ho le conoscenze e le credenziali sufficienti a supportare la cronaca, ed invece mi tocca di farlo.
A settembre. Il mese degli inizi, il periodo d'oro del fermento, l'attimo fuggente del buon proponimento.
Ma sono incazzata perché mi hanno fatta incazzare. Mi hanno fatta incazzare di brutto.
La ministra della salute, la signora Lorenzin, si è fatta promotrice del #fertilyday, un giorno in cui tutte noi donne dovremmo ricordare il motivo per il quale siamo al mondo: procreare.
Essere genitori in giovane età; scongiurare l'annoso dramma del "figlio unico"; permettere al Paese di crescere demograficamente...  Ecco i messaggi degli slogan che campeggiano, soprattutto come tirate per il culo, sui social, in un globale sdegno da qualunque parte la si guardi.
Io sono più "cinese", da questo punto di vista: DATECI IL CONTROLLO DELLE NASCITE!
...perché, se persone come quelle c…