la terapia per me

Ci sono cose che trovo terapeutiche, anche se hanno un retrogusto negativo...
o comunque biasimevole la loro parte.

Tipo fare i mestieri.
Mettermi grembiulino e fascetta in testa e simulare la più desperate delle housewife, con un trasporto che Bree Van De Kamp, ciaone proprio!
Che con la scusa della primavera, delle giornate più lunghe, della luce triplicata in casa, mi viene una voglia di rivoluzione che Che Guevara me fa na pippa.
E così niente, siccome io sono una che programma anche le volte in cui si lava i capelli, mi sono trovata a mettere giù un planning delle pulizie di primavera da qui alla fine del mese.
Quei mestieracci insopportabili, che la gente si ritrova a dover fare, senza voglia e con l'acqua alla gola, ma che a me sollazzano, manco si stesse parlando di un weekend in riviera romagnola!
E mettiamoci che bisogna pulire le piastrelle del bagno, passare i battiscopa e gli infissi, sbrinare il frezeer ed igienizzare il frigorifero... e mi fermo, perché se avevate una mezza opinione decorosa di me, direi che me la sto giocando facile...

E poi c'è lo shopping.
Che voi direte GRAZIE AL CAZZO, a quale donna dopotutto non vengono gli occhioni a cuore quando si parla di scarpe e rinvigorimento del guardaroba?
Però il problema sussiste quando spendete più di quello che vi potete permettere, ne siete perfettamente consapevoli, ma la cosa non vi blocca... ma per un cavolaccio proprio!
E allora vi ritrovate ad avere voglia di cosine carine nuove di pacca, che nelle borsine fanno quel delizioso crepitio, che mette i brividi di piacere che manco il limone più spettacolare del mondo sa fare altrettanto... e non importa minimamente se avete appena finito il cambio di stagione, ed avete appena rimesso negli armadi pezzi della collezione primavera/estate dell'anno scorso, ancora col cartellino attaccato! Qui è questione di principio...

Infine, ci metterei pure l'insonnia.
E qui potrei meritarmi delle scarpate in faccia, in special modo da chi subisce le mie tiritere sul fatto che dormo poco e niente, ma la vera verità, quella che non ammetterei nemmeno se mi doveste puntare una piuma sui piedi, è che io amo quelle ore in solitaria durante le quali, tutti dormono ed io sono lì, sveglia a strafare... e si, sebbene le mie occhiaia richiamino i panda e tutte quelle robe lì, io me ne stracafotto e me la godo! E che combino? Nulla... guardo instagram, leggo "Vanity Fair" o l'ennesimo libro che mi sta coinvolgendo, preparo i muffin, faccio colazione, sistemo i cassetti... mi prendo il mio tempo, ignorando non siano ore fatte per la veglia ma per riposare le stanche membra... che da morta avrò tutto il tempo per dormire, no? E poi, ultimamente, le riviste femminili, inneggiano a chi si sveglia molto prima dell'alba, che io mi sento di aver aderito ad un trend prima ancora che fosse tale... guardate un po'!

Commenti

  1. ahah.. pensavo a Vanity fair..l'ho comprato perché l'articolo di Baricco sul Cenacolo di Leonardo era imperdibile... e giocoforza una sfogliatina al resto l'ho data...chiedendomi... ma cacchio ci fa Baricco su sto giornale?!? ;)

    RispondiElimina
  2. Cara Patalice. per Pasqua si deve fare molti sacrifici e quello di mettere in grembiule è uno!!! Buona Pasqua a te cara amica.
    Ciao e buon venerdì santo con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ti piace vincere facile direbbe qualcuno, non si vive di solo shopping ;)

    RispondiElimina
  4. preparo i muffin, già quello vale come infallibile effetto terapeutico .. nell'attesa, vivere, come diceva qualcuno, prendere una rincorsa lunghissima e tuffarsi nel piacere

    RispondiElimina
  5. Io che sono sempre stata mattiniera, ultimamente faccio una fatica boia ad alzarmi. Nel we sfioro le dodici ore di sonno, durante un giorno poi sono rincoglionitissima...

    Buona Pasqua Pata <3

    RispondiElimina
  6. Da oscar tesoro mio, le pulizie , i cambio abiti, il tutto da pulire e da rinfrescare, mi mettono un'anasia che in agosto sono spesso vestita come in dicembre e viceversa..no non fanno per me e molti lo sanno e mi danno una mano, diciamo manina perchè poi ci stufiamo tutti.
    Non sono una fanatica dello shopping, mi stanca guardare le vetrine, sono da grandi magazzini , guardo , prendo e scappo come una ladra..
    Per l' insonnia, non ne parliamo neppure , un po' per queste mie ultime patologie mediche che appena mi spostavo da una posizione io che dormo senza interruzione di movimento, ululavo come un lupo, questa insonnia, mi fa leggere , guardare vecchi film, balletti unti e consunti , e il sonno arriva a tratti ..e il giorno diventa supplizio, ma per ora resisto e posso augurarti una Pasqua di felicità ed allegria , non festeggiando io s'intende come tute le feste comandate..
    Bacio al cioccolato!

    RispondiElimina
  7. Pulizie terapeutiche e insonnia produttiva ci avvicinano :D
    Buona Pasqua Pata! ^^

    RispondiElimina
  8. Non sono donna ma vivo solo e di tanto in tanto mi lascio trascinare da quella vocina nella testa, svuoto le stanze ed inizio le grandi manovre.
    Tolgo tutto dai mobili per pulirli, cambio disposizione di mezzo appartamento, faccio sacchi neri di robaccia da buttare.
    Insomma, fortuna che casa è piccina ed in due giorni l'ho rivoltata e messa a nuovo...

    Comunque dormire è per chi ha tempo da perdere.

    RispondiElimina
  9. Un planning però no...dai...
    ;D

    RispondiElimina
  10. Dormo come un ghiro, ma vengo spesso svegliata dai gatti, che vogliono mangiare/uscire/rientrare a qualsiasi ora!

    RispondiElimina

Posta un commento

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

Post popolari in questo blog

..." cuore in arresto favorisca i sentimenti"

Nessun obbligo di commento

cara Chiara ti scrivo