ufficialmente D I S O C C U P A T A

Ultima mail mandata da me a me stessa dalla posta elettronica del lavoro.

Poi l'account verrà cancellato,
il badge restituito,
un nome in più da dimenticare nella schiera delle persone passate di qui,
una grande azienda nella quale non mi sono messa in testa che dovevo essere solo un numero.

Numeri.
Dio quanto poco mi sono piaciuti fin dalle scuole elementari,
quando in vacanza a Marileva con la SuperMamma,
lei si inventava canzoncine per inculcarmi le tabelline nella testa,
ed io alla prima occasione utile ho copiato alla verifica.

Primo passo da farabutta,
che mai sarebbe andata d'accordo con l'aritmetica,
ed addirittura all'esame di maturità,
avrebbe copiato la terza prova.

Io non ce la faccio ad averci a che fare in modo tanto frequente
“Ci devi essere portato”, mi ha detto la mia responsabile oggi,
quando le ho comunicato che non sarei più venuta a lavorare.

Non ha detto io non lo fossi,
ma era implicito.

Anche se sembrava dispiaciuta in modo sincero.
O forse è semplicemente brava a sembrare carina.

Comunque lo immaginavo che tutti gli impieghi post “storico”,
non mi sarebbero piaciuti,
anzi, che ci avrei fatto a botte.

...però non pensavo di farci a botte così tanto!

Arrivata a trent’anni passati è ora che io mi decida a diventare grande,
prendere le distanze dalla vecchia Patalice,
per far entrare nel mondo di quelli che se la cavano da soli.

Non l'ho mai fatto,
e non è così una cosa semplice e scontata iniziare ora che mi rendo conto di essere vecchia e ridicola,
tremendamente in ritardo sulla tabella di marcia generale.

Lo so, la vita da questo punto di vista mi ha dannatamente viziata:
un posto sicuro, sicuissimo, nell’azienda di famiglia,
dove è vero che non ho mai agito da capetto,
ma è altrettanto vero che il capo era papà!

Poi, puffffff, da un secondo con l'altro,
la bolla di sapone scoppia,
c’è bisogno di prendere atto che il culo non è più sprofondato nel burro,
e si va avanti, imparando a reggersi sulle proprie gambe.

Piangere?
Lo si è copiosamente fatto,
ma ora non c’è proprio più tempo per farlo.

Ieri ho partecipato ad una gara in montagna:
10 chilometri su una strada verticale,
inerpicarmi su una via sconosciuta con la sola forza delle mie gambine.

Ma le gambe sono solo una percentuale, di quello che ci vuole per salire la cima:
ci vogliono i polmoni che rompano il fiato, e che non lo sanno fare, ed arrivano a bruciare;
ci vuole il cuore, che non solo batte forte, tanto forte, talmente forte che ti tamburella nelle orecchie,
ma che porta avanti.

Perché si parla di determinazione,
del fatto di non mollare.

Anche se vomiti l’anima in presenza di due caritatevoli sconosciute,
anche se hai una fame d’aria che non basta il Trentino,
anche se vorresti smettere.

Non smetti.
Vai avanti.
Stringi i denti e ti dici che non puoi mollare.

Vai avanti
Non smetti.
Spingi più forte e ti dici che se la porti in fondo puoi fare tutto.

E la porti in fondo.
La finisci.

Scarpe sporchissime.
Bocca impastata.
Sudore in posti che non sapevo di avere.

Ma la finisci.

E ti viene da dire a te stessa che tu puoi qualunque cosa.

Agisci un po’ (troppo) di pancia e ti lanci, senza paracadute,
lontanissima dalla tua zona di comfort,
dalla vita comoda alla quale sei (stata) abituata.

Ora sei nell’aria,
gravità zero,
una nebbia che ti impedisce di vedere chiaramente intorno a te,
ed un freddo impietoso, che forse è talmente freddo che è una cappa ammorbante di caldo.

Le condizioni sono pessime.
La paura tantissima.
Le paranoie partite a 6mila all’ora.

Ed io sono eccitata, spaventata e determinatissima.

Perché io sono una nata per non fare,
e faccio!

Io sono una che non potrebbe,
e riesce.

Io sono una che si dovrebbe accontentare,
e sposta l’asticella un po’ più su, un po’ più in là.

Io sono io, e questo è il mio potere

Sarà una frase fatta,
ma è la frase più vera del mondo.

Commenti

  1. Grande Pata, e io so che il tuo (super)potere funziona.
    Ti faccio un mega in bocca al lupo per il futuro, che comunque sarà rock.
    Hai scelto di non essere un numero, c'è gente portata per esserlo ma tu magari sei altro.
    Grande :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...penso di essere altro, lo penso ora MOZZINO, e per ora non penso di potermi accontentare... lo devo fare per me, me lo devo.

      Elimina
  2. Di solito leggo e resto in silenzio.
    Ti faccio in mio bocca al lupo per il futuro. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. crepi il lupo PIRKAF, anche se gli animalisti non apprezzerebbero

      Elimina
  3. Sposo la causa di non essere un numero da tempo immemore, e i lavori a cui ho rinunciato, come l'ultimo, ad esempio, erano motivati dal principio di essere una persona e in quanto tale merito rispetto, mi piace essere chiamata per nome, non per numero di cartellino. Come si suol dire: evidentemente non era il tuo posto. Meglio così, chiusa una porta si apre un mondo. In bocca l lupo Alice, per tutto quello che verrà. Corrigli incontro a braccia aperte. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...mi piace moltissimo la metafora del correre incontro al futuro con le braccia aperte QUEEN, ha una poesia dolcissima fatta di delicatezza che non so, mi piace proprio moltissimo...

      Elimina
  4. Pur non conoscendoti che attraverso questo "mezzo", io ti vedo così come dici, sento che, quell'asticella, non ti basterà mai alzarla... proprio perché c'è la condizione prima. Credo di capire bene quello che scrivi.
    Sei una forza e ti mando un grande abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero che la forza che mi attribuisci GIO, io l'abbia veramente... perché in questo momento ne ho proprio un gran gran bisogno!

      Elimina
  5. Si chiama mondo del lavoro,benvenuta

    RispondiElimina
  6. Sei tostissima e puoi fare tutto, lo sai! Continua a crederci e non mollare mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so se posso fare proprio tutto, ma credo fallirò nel tentativo di non smettere di provarci ICARO!

      Elimina
  7. Cara Patalice, purtroppo sono momenti difficili, l'Italia è al primo posto in Europa per la disoccupazione, una piaga che da troppi anni porta questo tragico record, il fatto è che non si vede nulla di miglioramento,
    ti posso solo dire che la speranza è ultima a morire.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si lo so TOMASO, purtroppo la situazione non è particolarmente rosea, ma io sono una che ha voglia di vedere il positivo sempre e comunque... sarò un'inguaribile romantica io?

      Elimina
  8. A me piaceva la tua
    "leggerezza" nell'essere figlia del capo" e godersela!
    Io non ci riesco e mi cruccio!
    Vorrei prendermi meno sul serio su questo lato, e godermi i miei privilegi!
    Che dirti...In bocca al lupo per tutto quello che vorrai fare, perché comunque hai dimostrato che esci dalla tua zona comfort senza paura, e provi, se non altro tenti...Io manco anche qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio MANU...
      non so quanto quella leggerezza mi appartenesse davvero...
      nel senso che si, la predicavo, ma avrei voluto viverla in modo più brioso e frizzante!
      però, effettivamente, non è stato il matrimonio, ne l'acquisto della casa, ne il trentesimo compleanno, ad avermi convinta che ero "grande", è stato l'allontanarmi dall'azienda di famiglia, guarda un po'

      Elimina
  9. Dicono che i traguardi sudati ci si godano di più... dicono! Ti auguro di sperimentare questa sensazione.

    Ps. Mi mancano i monti e li sogno attraverso gli occhi altrui. Dove eri a fare la corsa, se non sono indiscreta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sei affatto indiscreto, ero a Madonna di Campiglio ICARO, zone bellissime che fanno davvero brillare gli occhi

      Elimina
    2. Conosco bene la zona ma non ci vado da tanto! Ps. A dispetto del Nick... Sono una donna! ;-)

      Elimina
  10. Grazie per questo post, e grazie per il tuo coraggio dimostrato, lo stesso che un giorno spero di provare, sentire e dimostrare io stessa.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. coraggio LUISA, o incoscienza?
      mah... comunque grazie per l'abbraccio che contraccambio con calore

      Elimina
  11. ti mando un abbraccio smisurato
    ed un enorme in bocca al lupo, dolcissima Pata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed io accolgo tutto PIPPA, con un sorriso e le prospettive migliori

      Elimina
  12. Con la tua determinazione certamente troverai altro, per cui buona fortuna ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi auguro tu abbia ragione PIETRO...

      Elimina
  13. Hai una grandissima forza dentro che piano piano sta uscendo in tutta la sua potenza! Mai arrendersi e sono sicura che anche se sputerai sangue, tu lo farai!
    Faccio il tifo x te come ho sempre fatto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...un po' sai che sento esattamente questo CONSUELO?
      una forza sopita a lungo che sta incominciando ad esplodere all'esterno, dopo essere stata tanto dormiente
      grazie mille per il tifo, mi fa più che piacere

      Elimina
  14. In bocca al lupo! Dieci chilometri in salita sono tostissimi da fare, se sei riuscita lì vedrai che riuscirai anche a inseguire un lavoro che faccia per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...dentro di me mi sono detta esattamente questo, speriamo non sia solo una sciocca fantasticheria senza fondamento TENAR!

      Elimina
  15. Pata, Pata. Chissà com'è che questo post prima o poi me lo aspettavo. In qualche modo te lo avevo scritto quando hai annunciato il tuo ingresso in azienda. Ora sono curiosa di sapere come evolverai. ;-). Che poi, questa cosa del numero, perdonami Pata, ma un po' mi puzza. E' la vita aziendale. Nella quale io stessa sono imprigionata da anni (uscirne o trovare realtà più a misura d'uomo senza spalle coperte è impresa ardua). Un grosso in bocca al lupo. Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non so se hai ragione oppure no DANI, ma un'occasione sento di poterla pretendere per me stessa...

      Elimina
    2. Ma certo che puoi. Devi. Io sono solo molto sfiduciata nei confronti della vita aziendale che ben conosco. Per il tipo di lavoro in sè. Che a parte alcune eccezioni è di una monotonia e di uno stress assurdi.

      Elimina
  16. I cambiamenti sul lavoro ,nell'amore e in genere nella vita di tutti i giorni fanno bene e si vede,non è da tutti correre,con grinta, in salita.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma io non correvo, camminavo sostenuta FULVIO, niente di più...
      ;-)

      Elimina
  17. Risposte
    1. che possa sorridermi FEDERICA, grazie mille

      Elimina
  18. vabbè, salviamo solo i 10 km in montagna insomma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giusto quelli, ed i prossimi di domenica FRANCESCO...

      Elimina
    2. quindi stai andando alla grande pare....bene dai, sono contento.

      Elimina
  19. In bocca al lupo!!!!!! Si chiude una porta e si apre un portone!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SPEEDY grazie, che possa spalancarsi su cose belle-belle

      Elimina
  20. Un importante cambiamento..goditela, consideralo un vantaggio,
    la curiosità per la vita e per le novità aiuta sempre, e la tua leggerezza è parte di te e non della figlia del capo. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi auguro tu abbia ragione MICOL, e che la mia leggerezza non mi abbandoni proprio mai mai...

      Elimina
  21. mi spiace che tu abbia perso il lavoro, posso capire benissimo perchè ormai vivo questa situazione da anni, con un lavoro precarissimo. E non si trova altro. Oltre al fatto che più si va avanti e più è peggio, sono anche io che ragisco male...forse anche io come te non riesco de tutto a mettermi in testa che sono un numero che non conta nulla, anche se è una vita che praticamente da ogni parte mi viene dimostrato io contrario.
    Spero che tu al contrario di me possa risolvere presto.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla fine sono stata parecchio fortunata e molto determinata, nella direzione corretta TIZIANA, e dopo neppure un mese ho iniziato a lavorare, un lavoro che mi piace moltissimo e che mi sta appassionando incredibilmente... ti auguro ogni buona cosa

      Elimina
    2. alla fine sono stata parecchio fortunata e molto determinata, nella direzione corretta TIZIANA, e dopo neppure un mese ho iniziato a lavorare, un lavoro che mi piace moltissimo e che mi sta appassionando incredibilmente... ti auguro ogni buona cosa

      Elimina

Posta un commento

Sappiate che vi leggerò.
Non sarò sempre d'accordo con voi, battibeccheremo come galline in un pollaio!
...ah, non chiedetemi di seguirvi, non lo faccio se non mi convincete davvero, sono una FOTTUTISSIMA SNOB!

Post popolari in questo blog

..." cuore in arresto favorisca i sentimenti"

Nessun obbligo di commento

La forza di accettare ciò che non puoi cambiare