Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2017

lentiggini, inverno archiviato e novità che cambiano tutto

Immagine
Ho il naso arrossato. Il sole sta già facendo il suo sporco lavoro, io me ne vado in giro, a zonzo sulla riva del fiume, e non metto la crema solare, sebbene sappia che abbia una facilità a dir poco elementare nel diventare una copia meno inquietante di Krusty il Clown.
E mi stanno spuntando le lentiggini anche in faccia. Che più che lentiggini sono macchie vere e proprie. Dopo le gambe, le braccia, la pancia e la schiena, l'effetto dalmata sta dilagando senza pietà.
Questa cosa dell'avermi rubato l'ora, che di solito mi fa girare le balle punto basta e stop, adesso mi piace un bel po'. Si si, lo so che vi ho trapanato le balle con la storia di quanto siano fantastichevoli l'autunno e l'inverno, e stare sul divano con la copertina a leggere, e bere cioccolata calda, e il buio, i pigiamoni felpati, i calzettoni rinforzati, eccetera eccetera, ma la realtà è che sono entrata nel turbinio di colori vivaci e tessuti leggeri che hanno ravvivato il mio guardaroba, po…

biscotti al burro d'arachidi, cambio di stagione e rincorsa alla corsa

Immagine
Premessa doverosa: io non sono una foodblogger

Lo dico per giustizia di informazioni, ma anche perché non potrei nascondermi dietro un dito...  basta seguire per un mese il mio blog per accorgersi del fatto che io il cibo lo consumo, spesso e volentieri, lo fotografo coipiosissimamente su instagram, e ne cucino anche, fidatevi, ma non lo posto.

Perché non so spiegarle le ricette, mi incespico, e con le quantità vado alla cacchio... e le mie foto non sono all'altezza di quelle delle vere foodblogger, quelle che fanno sembrare i carciofi fiori, ed i risotti opere d'arte.

Eppure, in questo clima pazzescamente bello, che racchiude l'essenza di una primavera esplosa scomposta e divertita da essa stessa, mi è tornata la determinazione per correre.

Non la voglia, perché quella non l'avevo smarrita, anzi, mi sbruciacchiava da dentro, dandomi colpetti allo stomaco, mentre mi frenavo per le paranoie che, come vedi, ancor non mi abbandonano...

E niente, sia ieri che oggi, sono uscita …

un lunedì che ha, particolarmente, del lunedì

Immagine
Il lunedì è più una condizione mentale che un giorno della settimana vero e proprio...

Diciamo che, volenti o nolenti, ci troviamo un po' sempre tutti, alle prese con i piccoli grandi drammi del post weekend... anche se non si è fatto nulla di stratosferico e si è polleggiato tutto il pomeriggio tra divano e frigorifero, chissà perché la ripresa è tanto stressante da poterla elencare tra i mali del mondo senza colpo ferire.

Questo lunedì poi, ha un peso particolarmente cattivo, se vi chiedete perché, è evidente che le lancette del vostro orologio non hanno subito variazioni, e questo, vien da sé, mi porta a pensar che stiate vivendo una vita parallela, ad un'ora di differenza dalla nostra...

...e, se siete tra questi, avete tutta la mia invidia!

Si, perché mi piacerebbe poter giustificare in un un modo oggettivo, magari addirittura scientifico, lo scoglionamento odierno, ma non posso che ammettere la mia umana imperfezione rintronata, e tenere botta...

Quest'ora verrà a m…

...sappiate la mia...

Immagine
Una ragazza che segue il blog mi ha mandato una mail.

Non succede spesso, ma quando succede mi sento fica.

Cioè, non so se sarà capitata anche alla mia adorata Ferragni degli inizi una roba del genere, ma io mi sento una specie di micro dea quando avviene... scendono petali, e al mio passaggio si srotola un morbidissimo tappeto rosso...

Solo che, cazzarola, il messaggio che mi veniva recapitato, non era E S A T T A M E N T E rose e fiori... e va beh, non vi scrivo tutto-tutto, ma il concetto che mi ha lasciata interdetta, quello ve lo esplifico: "...ma perché non dici mai quello che pensi?"

CHI?
IOOOOOO?!?!
No, cioè, scherziamo?
Io non dico quello che penso?
Io non faccio presente al mondo il mio punto di vista?
Io celo le mie credenze e le mie opinioni?
MA DOVE?!

E niente, preso atto di questo monito, mi sono altresì chiesta perché mi scocciasse così tanto, visto e considerato che se una cosa non ti riguarda particolarmente, questa stessa cosa non dovrebbe cambiarti la gio…

cattivissima io

Immagine
Odio un sacco di cose.
...qualcuno potrebbe dire che è perché sono difficile...

Stronzate.
Il fatto è che godo di buongusto.

E' una maledizione, perché devo avere a che fare con le pessime scelte della gente; con la sua scarsissima predisposizione alla cosa migliore; e pure con la loro litania moralista che sembra impartire la giusta, amara, medicina su cosa fare...

Tutta la mia comprensione agli incompresi.
Ad esempio, coloro i quali guardano alle coppie bruttissime, dove lei è visibilmente incinta, e sentono la domanda formarsi spontanea: MA PERCHE' VI RIPRODUCETE!?

A quelli che, guardano il cane (?!) vestito come la peggior bagascia thai, che invece di correre dietro ad una palla, abbaiano incessantemente in borsetta, e si domandano: MA PERCHE' CAZZO LI CHIAMATE CANI?!

Ed anche a chi va a cena con i suoi amici, e si deve pippare la cretina di turno, che vuole l'hamburger senza insalata e senza salsa, ma con i cetrioli e il pomodoro, e che prima di lasciar mangiare …

19 marzo: festa del papà

Immagine
Ieri è stata la FESTA DEL PAPÀ.

Un'affermazione assolutamente corretta, che va a scontrarsi e a scornare le varie definizioni d'affetto, così gelosamente trattenute dai vari ed eventuali detrattori dei festeggiamenti "commerciali" (vedi S.Valentino, 8 marzo e compagnia rampante...), come se solo loro avessero la verità della profondità degli affetti; che noi che regaliamo ed auguriamo un giorni imposti, veniamo tacciati di pochezza... 
Io, a Paparotto Gigiotto, ho dedicato un messaggio alla C'è Posta per te, ed un weekend da condividere con la SuperMamma, una foto su Instagram con dedicata, ed un ricordo che ci riguardasse su Facebook.
Plateale. Superficiale. Esibita. Esibizionista. Chi se ne frega.

Mio padre è un uomo ingombrante, che negli anni si è fatto peggio, imparando a mettermi i bastoni nelle ruote gin già dai progetti mentali, e sforzandosi di influenzarmi con la sua presenza in modo sempre nuovi, essendo spaventosamente assente.
Mi ha insegnato la rincor…

sogni che prendono aria...

Immagine
Sai quando fai un sogno?

Quella parentesi rosa, tipo roba da unicorni che svolazzano nel cielo, riempiendolo di delicate nuvolette lilla, e profumandolo di vaniglia e zucchero filato...

Ecco i sogni dovrebbero avere quella consistenza lì...
Quella che si suol dire impalpabile, ma che in realtà ha una consistenza pazzesca, che la puoi tenere in mano, e te ne rendi conto di come è fatta.

Però non proprio tutti-tutti i sogni hanno quell'apparenza delicata e sognante, alcuni sogni fanno la muffa.

Non (solo) perché li trascuri, lasciando che il tempo li deteriori, ma (anche) perché finisci col dimenticarteli a tratti... posponendoli ad altre cose, non meno importanti, diverse, si ecco diverse.

Io sono una che dorme zero, e quelle scarsissime volte in cui mi capita di farmi qualcosa di meno simile ad un pisolino, non sogno mai... attività onirica pari a zero!

Ergo, mi sono direzionata verso i sogni tangibili, quelli che la mattina estrai dal cassetto insieme a mutande e calzettoni...

P…

...e usala quella lingua cavolo!

Immagine
Ed oggi vorrei approfondire il fattore L: 
L I M O N E.
No, non nel senso dell'agrume! giuro che non voglio farvi una tiritera sugli effetti benefici dell'acqua limonosa al mattino, ne di quanto possa essere buono questo frutto, ne tantomeno della sua coltivazione, della quale so e mi interessa al pari delle condizioni climatiche in Ecuador.
Il LIMONE del quale sto parlando è quello che ci si tira quando siamo ingrifati.
Volete chiamarlo bacio alla francese perché fa più fine? Fate pure, ma cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia, perciò... 
Il LIMONE, dicevamo, è una pratica usuale in special modo durante gli anni dell'adolescenza, quando gli ormoni girano a tremila, e le ascelle (pezzate e flatulenti) parlano per loro.
Il LIMONE non parla d'amore, ma di passione, di istinto, di carne (ma di quella accessibile anche ai vegani), di momento.
Il LIMONE non è eternità, non è promessa, non è progettazione, non è legame: il LIMONE è quell'istante pe…

Non posso piacere a tutti, ma devo amarmi

Immagine
Alla fine le calze a rete le ho comprate.

Lo dico per togliere quel po' di credibilità che avevo ancora (!?).
E niente, forse è stato l'accenno di primavera anticipata, che ovviamente mi ha colta in un pomeriggio di collant di lana e dolcevita pesante; o, forse ancora, è l'avvicinarsi del 32esimo compleanno, che nonostante manchino 2 mesi, si fa già sentire; oppure sarà stato il ciclo, (che noi donne possiamo usarla sta carta, perché non usarla?) fattostà che ho fatto l'insano gesto.
Non le ho ancora usate, indecisa tra versione giovane (jeans strappato e strappone) e versione porca (tubino nero da segretaria che ti rifà i connotati oltre che i conti!).
Fine della parentesi fashion.
Aperta, ma subito chiusa quella che vi informa che su Vanity Fair di questa settimana, quello con sopra il Fedez e la Ferragni desnudi, c'è una mia lettera che è stata molto apprezzata, e mi ha fatto giungere molta solidarietà e molti complimenti, ergo se volete aggiungervi alla lista …

Di ballerine calze a rete e Chiara Ferragni

Immagine
Ho visto le ballerine di Miu Miu, o almeno quelle che credo siano di Miu Miu, con i lacci grossi tipo... va beh quelle in questa fotografia qui per intenderci per benino.
Ecco, io sono una allergica alle ballerine, cioè ho sposato la teoria del "scarpa bassa figa strassa", facendola valere solo ed esclusivamente per le ballerine, però queste mi piacciono un sacco... sono carinissime, ironiche e molto iconiche!
Ma poi ho pensato che le sostituirei molto volentieri con i mocassini tutti glitterati, e con l'occhiolino della collezione shoes di Chiara Ferragni.
Attention please: non mi sono tramutata in una fashion blogger, ma mi è presa sta smania per lo shopping ultimamente, che non ve lo so spiegare.
Cioè, intendiamoci, non è che mi sia presa ora e che adesso e solo adesso io apra il portafogli per far girare l'economia, au contraire, sono sempre stata parecchio forte in merito!
Però ci ho sta smania di scialacquare, che era un po' che non m'attanagliava.
Il m…

ed è di nuovo festa della donna

Immagine
Cari uomini,
oggi voi non ci dovete niente di niente.

NON DOVETE farci regali
(...anche se va bene uguale, semmai decidete di farli...)

NON DOVETE farci complimenti
(...anche se ci fanno piacere...)

NON DOVETE proteggerci e decidere per noi
(...anche se a volte, fare le principesse, ci riesce divinamente...)

tuttavia

DOVETE saperlo che abbiamo la testa dura
che non molliamo mai, nemmeno quando sarebbe il momento di farlo

DOVETE accettare che siamo brave quanto voi
che una vagina non ci toglie nessuna forza o capacità intellettiva

DOVETE accorgervi del nostro essere indipendenti ed in gamba
perché lo siamo per davvero, e questo è un dato di fatto.

Care donne,
oggi voi vi dovete moltissimo.

DOVETE farvi regali
materiali magari, perché il potere dello shopping lo conosciamo solo noi che siamo DONNE

DOVETE essere fiere di voi
per quello che avete conquistato, e per ciò che siete, ancora di più siatelo per chi sarete disposte a diventare

DOVETE proteggervi
voi stesse, ma anche le une con le altre

Continuo a guardare in là

Immagine
Siamo già ad un terzo dell'anno...

Che per quelli che stanno spasmodicamente aspettando l'estate (di certo non la sottoscritta) sarà ancora troppo presto, troppo freddo, troppo inverno; ma per me sono stati due mesi (+qualche giorno) velocissimissimi.
Gennaio mi ha lasciato talmente tanto amaro in bocca, da aver festeggiato un nuovo capodanno nei primi giorni di febbraio... 
Febbraio è stato talmente fulmineo, da non accorgermi che il tempo stesse passando, facendolo ad una velocità a dir poco sostenuta, e non solo perché è il mese che dura meno di tutti!
Marzo è iniziato, e con esso tutti son belli felici e contenti ai primi conati di primavera che ci vomita il meteo, per poi pentirsi di raffreddori e mali di stagione, perché hanno il culo scoperto, ma anche io sono più felice e contenta.
Ed il clima non c'entra.
Quando vi ho parlato del messaggio della Micia, non sapevo esattamente il come, ed invece oggi lo so... devo prendere decisioni forti e fare tagli definitivi.
E…

Febbraio: il film che ho visto!

Immagine
Ed eccoci qui, anche febbraio, ed i suoi 28 giorni, se li è presi il tempo che è andato, e marzo, con il suo pre-annunciare la primavera o giù di lì, è arrivato bello bello per noi...

...cross the fingers!!!

Allora, prima di tutto sappiate che è accaduta una tragedia mentale di quelle pessimissime... ho visto un film, ma me lo sono TOTALMENTE DIMENTICATA!
Ci ho pensato per giorni e giorni, e niente, nisba, nada de nada... non mi viene in mente l'attore, o la trama o che ne so io...

...fosforo ne abbiamo?

Va beh, tralasciamo e veniamo al primo che mi ricordo:
LA LA LAND - siccome tutti l'avevano recensito, l'ho fatto anche io... anche perché il film pensato, nato e creato per fare incetta di Oscar, meritava che il dibattito non si spegnesse... ergo, se volete sapere per filo e per segno quale sia la mia opinione, cliccate qui e lo saprete... in breve, posso dirvi che sicuramente mi ha fregato il fatto di aver letto settemilacinquecento recensioni, come detto, tutte sognanti …

be the change

Immagine
La mia amica Micia mi manda un messaggio, di risposta, dopo le interminabili zuppe che sono solita tirarle, e mi dice: "Ma se questa tua vita non ti piace, mi spieghi perché cavolo non la cambi?!"

Che è una domanda talmente elementare, che alla gola mi sale un: "GRAZIE AL CAZZO", ma non lo scrivo, perché non si sta bene... che lei è un'amica ed io ci voglio bene a quella testolina bionda, e a quel fisicaccio della Madonna che si ritrova... e poi perché ha ragione.

Ed è, probabilmente questo, il punto più dolente della faccenda: la Micia ha ragione.

Non sono una alla quale scoccia dare ragione all'altro, è che non ci avevo pensato che ci avesse della ragione.

Fermi tutti, belli e brutti, come mai non ci avevo mai pensato?
Eppure è di una banalità lineare, che sembra un delirio non averlo messo in conto nel momento in cui affiorava una scontentezza cosmica di livello 11mila...

...se ti affacci allo specchio per 10 giorni, e per 10 giorni non ti piace quello c…